venerdì 5 marzo 2021

5 cose che - 5 autori nuovi, per me, di cui ho letto il primo libro nel 2020

Buongiorno Lettori e buon venerdì, come state? Spero abbiate trascorso una bella settimana, io in questo periodo non sono molto attiva e nelle prossime settimane me la dovrò vedere anche con l'allergia al polline, quindi sappiate che sto leggendo poco e, anche se mi spiace, non sempre sono abbastanza serena e concentrata per pensare a post e foto. D'altronde la vita è fatta di alti e bassi e non sempre il blog e la lettura possono essere al primo posto. Tornando a noi, vi lascio con una nuova puntata di questa bella rubrica che ci tiene compagnia tutti i venerdì!


5 AUTORI NUOVI, PER ME, DI CUI HO LETTO IL PRIMO LIBRO NEL 2020


JENNIFER DONNELLY: La sorpresa più bella dell'anno scorso è stata sicuramente la Donnelly, di cui ho amato alla follia Stepsister - Sorelle di sangue. Di suo ho in casa da tantissimi anni Deep Blue, che però non ho ancora letto in quanto, se non erro, fa parte di una trilogia che è stata troncata. Spero che Mondadori deciderà di tradurre altri suoi retelling!




KATHERINE ARDEN: Anche in questo caso sono partita leggendo il titolo meno famoso dell'autrice, ovvero La gita del terrore, romanzo per ragazzi davvero carino e perfetto per Halloween. Tempo fa avevo già comprato L'orso e l'usignolo, primo volume di una trilogia Fantasy che mi incuriosisce tantissimo, ma devo ancora trovare il momento giusto per iniziarla.




KIERA CASS: Altra scoperta dello scorso anno a cui ormai mi sono un po' affezionata! Dopo aver letto tutta la saga di The Selection ho attualmente in lettura The Siren e, anche se finisco sempre bocciare i suoi romanzi, ormai la Cass è diventa una sicurezza: quando ho voglia di leggere qualcosa di trash e spensierato insieme a mia sorella lei è sempre una certezza.




DONATO CARRISI: Passando agli autori italiani, nel giro di pochi mesi ho divorato tutte le opere di Carrisi, e quando dico tutte intendo TUTTE. Fin da ragazzina ho sempre apprezzato molto i thriller, anche se ne leggo pochi, ma con questo autore è stato amore a prima pagina e d'ora in poi credo proprio che non mi perderò nessuna nuova uscita.




LAURA IMAI MESSINA: Concludo con questa autrice italiana di cui per il momento ho letto solo Quel che affidiamo al vento, uno dei romanzi più belli e commoventi del mio anno appena passato. Anche se non ho ancora avuto modo di recuperare tutti i suoi lavori li ho già inseriti in wish list, in particolare mi incuriosisce Tokyo tutto l'anno!


Cosa ne pensate di questi autori?
E quali sono state le vostre scoperte?

mercoledì 3 marzo 2021

WWW Wednesday #6 - 2020

Buongiorno Lettori e buon mercoledì, come state? Spero che marzo sia iniziato bene, io vorrei riuscire a sfruttare il bel tempo per scattare qualche foto per Instagram, anche se l'allergia ha già iniziato a farsi sentire e per le prossime due settimane starnutirò senza tregua. Ma torniamo a noi, è il momento di fare un bell'aggiornamento di letture! Vi aspetto nei commenti per sapere cosa state leggendo voi e cosa ne pensate dei miei titoli, se vi va lasciatemi i link dei vostri post!




Dopo aver finito di leggere insieme a Tristan Tilly e i segreti dei libri, ci siamo divertiti a setacciare insieme la libreria in cerca di una nuova avventura, e sono felicissima che abbia scelto
Ever After High - Il Libro dei Destini, perché anni fa io lo avevo amato! Visto che tra una cosa e l'altra non sono più riuscita a leggere i seguiti spero che a Tristan piaccia abbastanza da voler proseguire con la trilogia, così finalmente scoprirò anche io come continua la storia di Raven ed Apple.

In audiolibro invece sto ascoltando Ninfa dormiente, il secondo volume della serie thriller che ha come protagonista Teresa Battaglia. Questo caso mi sta appassionando ancora più del primo, dopo essere rimasta - metaforicamente - orfana di Carrisi penso di aver finalmente trovato un'altra validissima penna con cui andare sul sicuro.

Ieri sera ho iniziato anche L'Angelo Rivelato, gentile omaggio di un'autrice svizzera. Ho letto poche pagine quindi è ancora presto per dare un giudizio, ma spero di potervene parlare presto in una recensione. È da tanto che non leggo una storia Romance con degli angeli, sono proprio curiosa!






Visto che quest'anno mi sto dedicando il più possibile a smaltire libri che ho in casa da tanto, ho finito Ronja - Figlia di brigante di Astrid Lindgren. Con questa autrice ho un rapporto altalenante, ho amato alcuni suoi titoli e ne ho detestati altri - tra cui la famosa Pippi Calzelunghe - ma devo dire che Ronja si piazza nel mezzo. È stata una lettura piacevole, ma non indimenticabile.








Per la challenge 12 parole per 12 libri la parola di marzo è "fiori", quindi ho deciso di leggere Il linguaggio segreto dei fiori, che al momento della sua uscita aveva riscosso un grande successo. Ce l'ho in casa da tanti anni, ma a dire la verità ricordo solo vagamente la trama, quindi sono curiosa. Spero non mi deluda, in genere le pubblicazioni di Garzanti non mi piacciono molto.

Per la challenge Rispolvera un libro invece ero indecisa su tre titoli, e ho chiesto il vostro aiuto in un sondaggio su Instagram. Il romanzo con più voti è stato Il libro della giungla, quindi mi dedicherò a quello. Dato che detesto il cartone della Disney - e che in generale animali parlanti e India non sono esattamente due cose che mi appassionano - ho la sensazione che non sarà una lettura entusiasmante, ma sono comunque felice di dargli una chance.

Cosa ne pensate delle mie letture?

venerdì 26 febbraio 2021

Recensione "Tilly e i segreti dei libri" di Anna James

Buongiorno Lettori e buon venerdì, come state? Spero abbiate trascorso una bella settimana, la mia purtroppo è stata costellata da mal di testa ed emicrania, ultimamente ne sto soffrendo più del solito ed è il motivo per cui non sono molto attiva qui sul blog. Spero sia dovuto al cambio di stagione e di stare meglio con l'arrivo della primavera! Ma tornando alle cose belle, a novembre avevamo regalato a Tristan Tilly e il segreto dei libri, e qualche giorno fa abbiamo terminato di leggerlo insieme. Lui lo ha adorato, io decisamente meno! Fatemi sapere nei commenti se lo avete letto e cosa ne pensate!


Un inno al potere della fantasia.

Titolo: Tilly e i segreti dei libri
Serie: Pages & Co. vol.1
Autore: Anna James
Prezzo: 15,00€
Pagine: 400
Pubblicazione: 2020
Editore: Garzanti


Trama: Pochi al mondo amano i libri più dell’undicenne Tilly Pages. Per lei non esistono amici migliori dei volumi polverosi che ingombrano gli scaffali della libreria di famiglia. È in quelle pagine che ha trovato conforto dopo che la mamma se n’è andata. Non passa minuto senza che stia con il naso infilato nella carta. Quando un giorno, all’improvviso, in libreria entrano Alice nel Paese delle Meraviglie e Anna dai capelli rossi, Tilly non può credere ai propri occhi: non c’è dubbio, sono loro! E la stanno invitando a bere il tè dal Cappellaio Matto e a visitare la scuola di Green Gables. Tilly è sicura si tratti di un sogno. Ma non è così. E nessuno meglio dei nonni che l’hanno cresciuta può confermarle che è tutto vero. Perché Tilly ha un dono eccezionale: è una librovaga e può entrare e uscire dalle storie per vivere straordinarie avventure. Un dono che ha ereditato dalla madre e che le dà il diritto di accedere a una biblioteca molto speciale, riservata ai librovaghi come lei, che lì vengono istruiti e protetti. Librovagare, infatti, può anche rivelarsi molto pericoloso e servono i giusti trucchi per affrontare insidie e ostacoli che si nascondono dietro ogni pagina. Ma Tilly non ha paura. Conosce troppo bene le storie per non fidarsi dei personaggi che le animano e ha bisogno del loro insostituibile aiuto per scoprire la verità su ciò che è accaduto alla mamma. Fare luce su un segreto che potrebbe cambiare ogni cosa.


Da questo romanzo mi aspettavo tante cose, ma di certo non pensavo che lo avrei - quasi - bocciato. Al momento della sua pubblicazione, Tilly e il segreto dei libri ha riscosso un grande successo, evento piuttosto raro visto il target a cui è rivolto. In genere i middle grade non vengono calcolati più di tanto, ma d'altronde l'autrice è andata sul sicuro. Come? Dico solo questo: libri che parlano di libri. Proprio così, in genere basta questo elemento a far capitombolare gli amanti della lettura, ma sarò sincera, in vita mia ne ho trovati davvero pochissimi di mio gradimento, nella maggior parte dei casi ne resto delusa, e così è stato anche questa volta. Ma facciamo un passo indietro: abbiamo regalato Tilly a Tristan per il compleanno, e leggerlo insieme è stata una bellissima esperienza. Per più di due mesi è stato il nostro appuntamento fisso, comunque andasse la giornata sapevamo che prima di dormire ci sarebbe stato un nuovo capitolo di Tilly da scoprire insieme e, anche se abbiamo sempre letto moltissimo insieme fin da quando è piccolo, raramente l'ho visto così rapito da un romanzo. Vedere la sua emozione e vivere la storia attraverso i suoi occhi meravigliati mi ha permesso di affezionarmi almeno un minimo a Tilly e agli altri personaggi, ed è il motivo che mi ha spinta ad assegnargli 3 stelle evitando quindi la triste bocciatura che altrimenti gli avrei riservato.
Messo da parte l'affetto - più per il magico momento di lettura che si è creato che per il titolo in sé - e la soddisfazione di vedere Tristan così affascinato, devo purtroppo ammettere che a me questo primo volume della serie Pages & Co. non ha convinto molto. La trama oggettivamente è carina e semplice: Tilly vive insieme ai nonni e li aiuta a gestire la libreria di famiglia, non ha mai conosciuto il papà, e la mamma è misteriosamente sparita quando lei era in fasce. Tutto si complica quando scopre di essere una librovaga e, grazie a questo dono, inizierà a viaggiare nei libri e a parlare con i personaggi dei suoi romanzi preferiti, in particolare Anna di Anna dai capelli rossi e quella dispettosa di Alice. Niente di nuovo, ma se un'idea di base funziona sempre un motivo ci sarà.

Una bambina con un dono speciale. Una biblioteca segreta.
Un viaggio magico nel cuore delle storie.

Sullo stile dell'autrice non ho molto da dire, l'ho trovato senza infamia e senza lode, scorrevole ma mai coinvolgente. Il problema è stato tutto il resto: trama e personaggi mi sono sembrati totalmente piatti e apatici, come se l'autrice si limitasse a raccontare una scena, senza farmela vivere davvero, il che è ancora più terribile e triste dato che stiamo parlando di una storia che ruota proprio intorno all'amore per la lettura e al potere dell'immaginazione. Questa è stata la delusione più grande, ma non l'unica. Personalmente l'ho trovato davvero troppo lungo e, di conseguenza, molto noioso. In questo primo volume della serie succede relativamente poco e 400 pagine sono davvero troppe, ne bastavano la metà a dir tanto. Alla faccia del voler allungare il brodo, vorrei dire. Questa scelta ha avuto come conseguenza una narrazione lenta e poco coinvolgente, dal mio punto di vista non avevo alcun interesse a scoprire cosa sarebbe successo - anche perché la trama è fin troppo prevedibile e si capiva fin dai primi capitoli dove sarebbe andata a parare - e vi dirò di più, non l'ho abbandonato solo perché lo leggevo con Tristan. Fosse stato per me penso che avrei sbirciato il finale solo per capire se avevo indovinato la conclusione e tanti saluti. Con questo non voglio dire che sia un brutto romanzo per ragazzi o che sia scritto male, d'altronde è pensato per lettori molto giovani e se Tristan ci si è appassionato così tanto significa che di base fa il suo dovere, ma io in quanto adulta mi sono annoiata terribilmente, l'ho trovato scontato e debole su tutti i fronti. Penso che, semplicemente, non abbia niente di speciale. Mi aspettavo un'avventura magica che mi trasportasse nel mondo dei libri, ero pronta a vivere di inchiostro e a respirare atmosfere incantate, e invece nulla, solo un'assenza totale di emozione o curiosità.
Devo però spezzare una lancia in suo favore: ruotando intorno al mondo dei libri, vengono citati diversi classici per ragazzi. Si tratta di titoli che io per la maggior parte ho già letto, ma a Tristan è piaciuto moltissimo avere un assaggio di altre storie e mi ha già chiesto di leggere insieme Anna dai capelli rossi, L'isola del tesoro e La piccola principessa, e questa penso sia una cosa molto bella. Nonostante a me non abbia lasciato nulla spero comunque che i seguiti vengano tradotti, così da poter continuare a leggere la storia di Tilly insieme a Tristan, e chissà che andando avanti non cambi idea! Mi sembra di aver capito che il secondo volume sia ambientato nel mondo delle fiabe, il che mi fa ben sperare, ma se devo dare un giudizio solo a questo primo capitolo non posso mentire: a un lettore adulto non lo consiglierei. Spero di ricredermi!

Fatemi sapere se avete letto questo romanzo e cosa ne pensate! In genere vi piacciono i libri che parlano di libri? Per il momento l'unico che ho amato è stato Cuore d'inchiostro, gli altri mi hanno sempre deluso!

mercoledì 24 febbraio 2021

WWW Wednesday #5 - 2021

Buongiorno Lettori e buon mercoledì, come state? Anche da voi sembra essere arrivato un principio di primavera? Non ho guardato le previsioni meteo, magari è solo un falso allarme e il freddo è in agguato, ma in questi giorni fa davvero caldo per essere febbraio. Bando alle ciance però, dopo aver saltato l'appuntamento con il WWW Wednesday settimana scorsa, oggi vi aggiorno su cosa sto leggendo. Se vi va rispondete anche voi nei commenti, sono sempre curiosa di sbirciare i vostri titoli!





Ho ancora in lettura
Wolf, primo volume di una dilogia distopica con cui partecipo alla challenge 12 parole per 12 libri di febbraio. Sono decisamente in ritardo sulla tabella di marcia, ma conto di finirlo nei prossimi giorni e di recensirvelo il 1 marzo, quindi non sforerò dalle regole della sfida.

Insieme a mia sorella, per la nostra personale rubrica dedicata ai libri trash, ho iniziato The Siren di Kiera Cass, romanzo autoconclusivo che per il momento mi sta deludendo. Non è abbastanza trash da far ridere, ma neanche abbastanza bello per apprezzarlo... per ora lo trovo solo di una noia mortale. Per lo meno con The Selection mi ero fatta due risate, nella disperazione. Uff!

Qualche giorno fa mi è venuta un'improvvisa voglia di iniziare Ronja - Figlia di brigante, della Lindgren, romanzo d'avventura che ho in casa da chissà quanti anni. La Lindgren è una delle mie autrici per ragazzi preferite e devo dire che per il momento la storia è carina, anche se non credo diventerà uno dei miei libri preferiti. So che ne è stato tratto un film negli anni '80 e un anime prodotto dallo Studio Ghibli qualche anno fa, magari cercherò di recuperarli.





Insieme a mia sorella ho terminato di leggere Fateful di Claudia Gray, che unisce la tragedia del Titanic ad una storia d'amore tra una domestica e un lupo mannaro. Vista la trama ci aspettavamo una lettura trash, cosa che invece non è affatto, anzi, è piaciuto a entrambe. Ha sicuramente dei difetti, ma nel complesso l'ho trovato un Paranormal Romance molto piacevole e ben scritto.

In audiolibro ho poi ascoltato Fiori sopra l'inferno di Ilaria Tuti, primo volume di una serie thriller che ha come protagonista la profiler Teresa Battaglia, e mi è piaciuto tantissimo! Lo stile dell'autrice mi ha ricordato molto quello di Carrisi, così come il tipo di caso e lo svolgimento della trama. Recupererò sicuramente i suoi libri anche in cartaceo, ci tengo ad averli nella mia libreria!

E dopo un paio di mesi io e Tristan abbiamo finito anche Tilly e i segreti dei libri, primo volume della serie per ragazzi Pages & Co. di cui al momento in italiano non sono ancora stati tradotti i seguiti. È stata una bella avventura leggerlo con lui, ma devo ammettere che a me non è piaciuto, l'ho trovato noioso e troppo lungo, la storia di base è anche carina, ma nel complesso per me e un no.





Anche se ho intenzione di recuperare i cartacei, voglio sfruttare Audible per ascoltare Ninfa dormiente, secondo volume della serie thriller di Ilaria Tuti. I casi trattati sono autoconclusivi, ma sono troppo curiosa di ritrovare Teresa Battaglia per aspettare di avere tra le mani la copia fisica, e in ogni caso avere un audiolibro in ascolto mi fa molto comodo in alcuni momenti della giornata.

In cartaceo invece mi butterò su L'Angelo Rivelato, primo volume di una saga Paranormal Romance di un'autrice svizzera che è stata tanto gentile da inviarmelo insieme al seguito. La storia è ambientata un po' qui in Svizzera e successivamente a New York, quindi sono molto curiosa!

Cosa ne pensate delle mie letture?