venerdì 4 dicembre 2020

5 cose che - 5 libri che spero mi porti Babbo Natale

Buongiorno Lettori e buon venerdì, come state? Oggi da me sono previste forti nevicate, spero non creino problemi sulle strade perché nel weekend ci toccherà fare avanti e indietro da casa di mia mamma e non è mai bello mettersi in auto con queste condizioni climatiche. Ma veniamo a noi e alla prima puntata di 5 cose che di dicembre! Per questo mese abbiamo in programma alcuni temi natalizi, e non potevamo che iniziare dai titoli che vorremmo trovare sotto l'albero. Spero mi farete sapere quali avete messo voi nella wish list, potrei prendere spunto per allungare la mia!




5 LIBRI CHE SPERO MI PORTI BABBO NATALE

È sempre difficile decidere a cosa dare la priorità, ma credo che questi siano i tre titoli che al momento leggerei con più piacere! Come magari ricordate ho amato moltissimo la saga di Maze Runner e sono curiosissima di questo spin-off raccontato dal POV di Newt, quindi Il palazzo degli spaccati è decisamente in cima alla mia lista dei desideri. A Gli amici silenziosi invece faccio il filo da ormai troppo tempo, ho la sensazione che mi piacerà moltissimo, ma non sono ancora riuscita a recuperarlo. E infine vorrei tantissimo Vardø - Dopo la tempesta che, ambientato nella Norvegia del 1617, trae ispirazioni dai terribili processi alle streghe.



Queste due meraviglie invece non credo abbiano bisogno di presentazioni, si tratta de La Bella e la Bestia e La Sirenetta e altre fiabe, entrambi editi da Ippocampo e illustrati da Minalima. Se non avete mai avuto la fortuna di sfogliarli dal vivo correte a guardare qualche video sul sito della casa editrice perché hanno degli inserti cartografici pazzeschi e sarebbe davvero un sogno collezionarli tutti! Tra i titoli usciti fino ad ora però questi sono quelli che vorrei di più!

Cosa ne pensate di questi titoli? E voi cosa sperate di trovare a Natale sotto l'albero?

giovedì 3 dicembre 2020

Segnalazione "Il Mondo di Candy" di Giulia Maria Giordano

Buongiorno Lettori e buon giovedì, come state? Ieri purtroppo ho dovuto saltare per l'ennesima volta l'appuntamento con la rubrica dedicata agli aggiornamenti di lettura, perché sto facendo davvero fatica a ritagliarmi dei momenti di tranquillità durante la giornata, e alla sera la stanchezza si fa sentire. Ma prometto che mercoledì prossimo vi terrò di nuovo compagnia con il WWW Wednesday. Oggi però voglio segnalarvi l'uscita di un breve romanzo Fantasy, pubblicato da una giovane autrice.



Titolo: Il Mondo di Candy
Autore: Giulia Maria Giordano
Prezzo: 13,00€
Pagine: 86
Pubblicazione: 2020
Editore: Epigraphia

Trama: Ognuno di noi conosce le proprie paure, le proprie ansie ed i propri problemi che fanno parte dell'essere umano. C'è chi è in grado di affrontarli, ma c'è anche chi, pur avendone coscienza, non ha la forza per sconfiggerli. Alexa sarà spinta a compiere un viaggio in un mondo fantastico, a combattere contro ciò che le fa più timore e a salvare chi ne avrà bisogno, scoprendo due parti di sé stessa. Ne uscirà cambiata, rafforzata, cresciuta e con una maggior consapevolezza... non vi è nulla di più importante di ciò che già ha.




Il mondo di Candy è un libro in grado di aiutare le persone di ogni età a capire che è veramente possibile uscire dai confini che tutte le nostre paure creano ed oltre i quali possiamo trovare una vita serena, spensierata e per così dire leggera, pur rimanendo fedeli ai nostri doveri di uomini che compongono l’umanità.


GIULIA MARIA GIORDANO è una diciottenne che vive in un piccolo paesino in provincia di Messina. Da diversi anni ha maturato una forte passione per la scrittura, l’arte ed il teatro, che le ha permesso di dare vita alle sue idee, sfociate nella realizzazione di questo primo libro scritto durante il complicato periodo del lockdown. Fin da quando era bambina, scrivere le è stato di supporto nei momenti più difficili della sua vita e le è servito per sfogare le sue ansie e le sue preoccupazioni dovute ad un carattere chiuso come il suo. Ha deciso di dare vita a questo libro per mettere allo scoperto le proprie paure sperando di poter aiutare i suoi coetanei a fare altrettanto, perché sa che al mondo ci sono tanti ragazzi che vivono nel timore di qualcosa e che, come lei, tendono ad isolarsi piuttosto che chiedere aiuto, facendosi sopraffare dall’ansia. Il suo scopo è quello di fargli capire che a volte la famiglia può essere un buon punto di partenza per affrontare i problemi, perché solo parlandone si potrà cercare di risolverli. Ha strutturato il libro in modo che sia adatto ad ogni fascia d’età, affinché anche i bambini possano leggerlo con la loro spensieratezza.

Cosa ne pensate di questo titolo, vi incuriosisce?

martedì 1 dicembre 2020

24 film da vedere aspettando il Natale

Buongiorno Lettori e buon martedì, come state? Spero che abbiate salutato con serenità il mese di novembre e che siate pronti a dare il benvenuto a dicembre! Per me ieri è stata una giornata piuttosto ricca, abbiamo montato e riempito il calendario dell'Avvento per Tristan e ho finito di preparare alcuni post natalizi che vedrete qui sul blog e su Instagram nel corso delle prossime settimane. Oggi infatti voglio proporvi un post che inizialmente era nato per essere pubblicato solo su IG, ma alla fine ho pensato che sarebbe stato un peccato non condividerlo anche qui.

Come avrete capito dal titolo ho stilato un elenco di 24 film - sia d'animazione che non - da vedere aspettando la notte di Natale! Io e mio marito infatti ci siamo preparati una personale lista, a mo' di calendario dell'Avvento, e ho pensato che sarebbe stato carino mostrare anche a voi i titoli che guarderemo. Alcuni sono dei grandi classici, altri sono usciti più recentemente. In generale sono quasi tutti dei rewatch, ci sono solo due o tre film che non abbiamo mai visto, ma nel periodo natalizio ci piace sempre fare delle visioni a tema. Spero mi perdonerete se non ho dedicato qualche riga ad ogni film, ma prima di tutto sono pellicole che quasi sicuramente conoscete già, quindi mi sembrava inutile stare a presentarveli, e secondo... 24 non sono pochi, ecco. Sarebbe venuto un post davvero lungo e avrei finito con l'annoiarvi. Vi lascio quindi la carrellata di locandine, sperando di darvi qualche spunto o, perché no, di farvi scoprire qualche perla che ancora non conoscevate!



FILM DA VEDERE A NATALE







FILM D'ANIMAZIONE DA VEDERE A NATALE

Questi sono i miei consigli su cosa vedere aspettando la notte di Natale, ovviamente alcuni li preferisco ad altri, ma in generale devo ammettere che il clima delle feste mi piace a priori. Spero mi farete sapere nei commenti quali avete visto e se vi sono piaciuti!

lunedì 30 novembre 2020

Recensione "Stardust" di Neil Gaiman

Buongiorno Lettori e buon lunedì, come state? Anche voi avete approfittato del weekend per decorare casa e fare l'albero? Io fino a qualche anno fa aspettavo l'8 dicembre, poi ho iniziato ad anticipare al 1 dicembre perché Tristan non vedeva l'ora, ma quest'anno avevamo proprio voglia di un po' di allegria e quindi niente, a casa nostra lo spirito natalizio è già arrivato e va bene così, quest'anno penso sia ancora più importante del solito godersi le piccole cose. Proprio perché siamo stati impegnati con le decorazioni non sono riuscita a dedicarmi alla lettura e di conseguenza non sono riuscita a terminare il romanzo che avevo in programma di recensirvi oggi. Ma niente paura, come saprete ho diversi titoli in arretrato di cui parlarvi e, tramite un sondaggio su Instagram, vi ho chiesto quale avreste preferito. Come immaginavo ha vinto Stardust, quindi vi lascio subito al mio parere, se vi va fatemi sapere se a voi è piaciuto e se avete visto il film!


Sembra talvolta che sia già stato scritto tutto.
Poi ci si imbatte in Neil Gaiman e in un libro come Stardust.
Nel muro di apre una breccia e l'incanto ricomincia.
MILO MANARA -


Titolo: Stardust
Autore: Neil Gaiman
Prezzo: 9,50€
Pagine: 245
Pubblicazione: 2005
Editore: Mondadori

 

Trama: In una fredda sera di ottobre una stella cadente attraversa il cielo e il giovane Tristan, per conquistare la bellissima Victoria, promette di andarla a prendere. Dovrà così oltrepassare il varco proibito nel muro di pietra a est del villaggio e avventurarsi nel bosco dove ogni nove anni si raccoglie un incredibile mercato di oggetti magici. È solo in quell'occasione che agli umani è concesso inoltrarsi nel mondo di Faerie. Tristan non sa di essere stato concepito proprio lì da una bellissima fata dagli occhi viola e da un giovane umano e non sa neppure che i malvagi figli del Signore degli Alti Dirupi sono anche loro a caccia della stella...

Visto il mio immenso amore per il genere Fantasy e per i libri per ragazzi un po' mi duole dirlo, ma di Neil Gaiman non ho letto quasi niente. Il mio unico approccio verso questo autore famoso e amatissimo è stato con Coraline, parecchi anni fa ma, nonostante ne conservi un ricordo piuttosto piacevole, non posso dire che mi avesse colpita più di tanto. Un paio di mesi fa, presa dalla voglia di fare un rewatch del film di Stardust, ho colto l'occasione per leggere finalmente il romanzo, che avevo in casa da tempo immemore. Sarò onesta, non saprei dire se mi sia piaciuto o meno. Nonostante le pagine non siano molte l'ho trovato piuttosto lento e ci ho messo più del previsto a terminarlo, ma soprattutto mi ha sorpreso la quasi totale assenza di azione. Forse perché avevo già visto il film o semplicemente perché nel genere Fantasy è raro non imbattersi in scene di combattimento, fughe e battaglie, non so, fatto sta che ho letto queste 250 pagine continuando ad aspettare il momento in cui sarebbe successo... qualcosa. Quel qualcosa non è arrivato e il libro è finito, niente di più. Questo significa che sono rimasta delusa dal romanzo? Non del tutto. Il fatto che la storia sia molto lineare e senza grandi colpi di scena o alti e bassi non è un difetto, anzi, trovo si adatti molto bene al tipo di trama di Stardust, che si discosta dal Fantasy classico e vira più al fiabesco, motivo per cui ho deciso di dargli comunque 3 stelle e di non bocciarlo. Di per sé non mi è dispiaciuto, è stata una lettura tranquilla ma abbastanza carina, il problema è che non mi ha detto né trasmesso granché. Lo stile cupo di Gaiman è sempre un'ottima compagnia, ma una volta girata l'ultima pagina sono rimasta a fissare la copertina cercando di capire cosa mi avesse regalato la lettura, e la risposta è stata... niente. Trama di base carina, stile piacevole, personaggi poco approfonditi ma godibili, però non mi ha appassionata né emozionata e, personalmente, l'indifferenza è l'ultimo sentimento che voglio provare quando leggo. Sicuramente ho apprezzato di più le parti dedicate alla storia dei sette fratelli e del Signore di Stormhold, rispetto a quella di Tristran e della stella Yvaine. Le strade di questi personaggi naturalmente finiscono per incrociarsi, ma io come al solito mi sono affezionata più alle figure secondarie - ho adorato Septimus, ovviamente - che ai protagonisti. Dopo aver terminato il romanzo ho deciso di riguardare subito il film e devo dire che neanche la pellicola mi ha convinta più di tanto. Ci sono alcuni aspetti che ho trovato più piacevoli nel libro, altri che ho trovato sviluppati meglio nel film, e viceversa. Anche il finale - di entrambi - mi ha lasciata piuttosto insoddisfatta e indifferente. Avrei davvero voluto amarlo, perché tra magia, streghe, unicorni, maledizioni e stelle cadute, Stardust aveva tutti gli elementi giusti per piacermi, ma purtroppo sono arrivata a fine lettura un po' annoiata e sicuramente poco colpita. Ancora una volta, quindi, Gaiman non è riuscito a convincermi del tutto, nonostante reputi questo titolo abbastanza piacevole e molto lontano dal poter essere definito brutto o banale. A questo punto penso proprio che proverò a recuperare Il figlio del cimitero per dargli una terza chance... sento che tra le sue innumerevoli opere letterarie ce ne deve essere una capace di farmi battere il cuore, e sono disposta a leggerle tutte pur di trovarla!

Vi aspetto nei commenti per sapere cosa ne pensate del libro e, se lo avete visto, anche del film!