giovedì 23 giugno 2011

Giveaway Il club dei suicidi!

Buon pomeriggio ^^ avete capito bene, parte oggi un nuovo giveaway sul blog! Vi avevo accennato a questo libro già in un altro post, ricordate? Ed eccolo qui oggi! Per quel che mi riguarda non vedo l'ora di averlo tra le mani *_*

Il club dei suicidi, di Albert Borris.



Autore: Alberto Borris
Titolo: Il club dei suicidi
Prezzo: 14,50 euro
Data di pubblicazione: 6 luglio 2011
Pagine: 224
Giunti: (collana Y)


Trama:




"Sul sedile posteriore della macchina il timido protagonista Owen ripensa ai suoi sette tentativi di suicidio fallito. Così inizia Crash into me, un romanzo on the road, il viaggio strampalato della strana compagnia dei “Suicide Dogs”, quattro teenagers legati da un patto di morte. Dopo essersi conosciuti in una chat per aspiranti suicidi, i ragazzi decidono di partire dal New Jersey e attraversare il paese in un pellegrinaggio che toccherà le tombe di alcune celebrità che si sono tolte la vita, dalla poetessa Anne Sexton, prima tappa a Boston, a Kurt Cobain, passando per Judy Garland, Ernest Hemingway e Hunter S. Thompson. Un rituale che dovrebbe preludere al loro stesso suicidio. Scenario drammatico per il traguardo: la Death Valley."

I dieci modi peggiori e più stupidi per suicidarsi
10. Fare finta di avere una pistola e di sparare alla polizia

9. Soffocarsi con un sacchetto di plastica

8. Arruolarsi

7. Saltare giù dal tetto di una casa

6. Leccare una presa elettrica

5. Tagliarsi i polsi con un coltello di plastica

4. Fumare e aspettare che ti venga il cancro

3. Starsene in piedi su una collina sotto la pioggia con una gruccia di metallo in mano

e aspettare un fulmine

2. Overdose di lassativi! (dovrebbe essere al primo posto)

1. Ascoltare i Nirvana in macchina finché il cervello non ti va in pappa.

L'autore:
Albert Borris vive nel New Jersey, ha una lunga esperienza come psicoterapeuta per ragazzi. Questo è il suo primo romanzo.

Create your own banner at mybannermaker.com!
Copy this code to your website to display this banner!


E ora, come avrete capito.. GIVEAWAY! Avrete infatti la possibilità di vincere una copia di questo libro, che la Giunti Y ha gentilmente messo a disposizione, e il tutto in modo facile facile.


 
-Essere Lettori fissi del blog
-Commentare questo post scrivendo la parola che meglio associate a "suicidio"
-Compilare il modulo qui sotto

GIVEAWAY CONCLUSO

Tutti coloro che supporteranno l'iniziativa sul web ad esempio inserendo il banner sul loro blog/sito o link su facebook (NO FORUM), otterranno un punto in più per ogni canale utilizzato.


Il giveaway si concluderà alla mezzanotte di mercoledì 6 luglio.
Il vincitore verrà estratto giovedì 7 luglio. Buona fortuna a chiunque parteciperà!


26 commenti:

  1. La parola che associo a "suicidio" è banalmente "disperazione" tuttavia spero che questo libro contenga un messaggio ottimistico.
    Voglio leggerlo!
    ciao
    Fede

    RispondiElimina
  2. Una parola da associare a "suicidio"???
    Mi viene in mente "uscita"...
    Non vedo l'ora di leggere questo libro così diverso dai soliti young adult..
    Incrocio le dita!!!

    RispondiElimina
  3. Io associo la parola dolore

    Spero di vincerlo sembra molto bello

    Serenella.bono

    RispondiElimina
  4. pensando al suicidio mi viene in mente sofferenza estrema..questo libro mi sembra molto interessante,tratta un tema delicato e l'autore, data la sua esperienza,sembra davvero all'altezza di ciò.Incrocio le dita;)

    RispondiElimina
  5. libro bellissimo e interessante, curiosa di leggerlo!
    parole che associo al suicidio, molte prima di tutte la pazzia, credo si debba solo essere pazzi per gettare al vento il dono più grande che ci sia stato fatto poi subito la fede, essendo religiosa non riesco a concepire il suicidio, sarò anche ristretta mentalmente ma è così. ed è proprio per questo che spero che questi 3 ragazzi nel loro viaggio ci ripensino!

    RispondiElimina
  6. Io alla parola suicidio associo il titolo di un libro che mi è rimasto molto impresso: Congedarsi dal mondo... è una visione un pò strana ma anche reale...Incrocio le dita !

    RispondiElimina
  7. le parola che associo: sofferenza, dolore, addio

    RispondiElimina
  8. La parola 'suicidio' mi fa venire in mente le parole:rassegnazione,perdita,sofferenza,via d'uscita.
    Partecipo molto volentieri a questo bel giveaway: il libro affronta una tematica delicata ,ma sono sicuro che l'autore con ironia e originalità saprà rendere gradevole perfino uno degli argomenti più discussi dell'ultimo periodo !
    Ho condiviso qui:
    https://www.facebook.com/michele.delvecchio1
    https://www.facebook.com/pages/-%D0%BCu%CF%83ic-%E2%84%93y%D1%8Fics-/124210884266455

    RispondiElimina
  9. Io credo di voler associare la parola "solitudine" a suicidio.

    RispondiElimina
  10. Associo la parola suicidio ad inadeguatezza..
    ci sente inadeguati in un mondo che ci vuole tutti uguali..inadeguati perché qualcun altro ha stabilito i parametri dela felicità per tutti...inadeguati perché l'ipocrisia regna sovrana e nel momento del bisogno non ci sarà nessuno pronto ad aiutarti e soprattutto ad ACCETTARTI per quelo che sei..
    il mio nick follower è catymariposina

    RispondiElimina
  11. Di solito le parole che associo a “suicidio” sono: infelicità, solitudine, disperazione. Il libro è davvero interessante...diverso da altri letti finora.
    Incrocio le dita!

    RispondiElimina
  12. suicidio / disperazione totale

    RispondiElimina
  13. suicidio è una parola che associo a laura, il nome di un'amica che ha tentato davvero di togliersi la vita

    RispondiElimina
  14. Se penso alla parola SUICIDIO mi viene in mente il termine PERDITA. Quando una persona decide di togliersi la vita, decide volontariamente di perdere tutto ciò che di bello quella stessa vita può regalare. Speriamo che gli aspiranti suicidi pensino a questo prima di prendere la decisione finale.

    RispondiElimina
  15. Suicidio = Il Nulla

    Se si decide di togliersi la vita, lo si deve fare avendo chiaro in mente che, una volta compiuto il gesto, si va incontro al vuoto totale, all'assenza di tutto ciò che rende bella la vita.

    RispondiElimina
  16. Associo alla parola Suicidio la parola Dramma. Chi si uccide pensa o è dentro ad un dramma che non riesce a risolvere, almeno la penso così.

    Nickname: Angelica
    E-mail: chiara_angela@hotmail.it
    Ho condiviso su: http://ilmondodiangelica.blogspot.com/

    RispondiElimina
  17. La parola che più di altre associo a suicidio è sicuramente RESA. Il suicidio è un modo di arrendersi al flusso degli eventi, ai problemi, alla parte di noi più disperata e disfattista.

    RispondiElimina
  18. Penso che il suicidio sia "un'insofferenza alla vita".
    Sarebbe come scegliere il nulla, il niente, rispetto comunque a qualcosa, che possa non piacere, non dare alcuna soddisfazione, non appagare ... ma comunque è sempre qualcosa.

    RispondiElimina
  19. La parola che associo al suicidio è "vigliaccheria". Ci vuole molto più coraggio a vivere che a farla finita.
    Email: giovannamata@gmail.com
    Nome Facebook: Morgana DeLarge

    RispondiElimina
  20. La parola che mi viene in mente è "vuoto".
    Per formulare solamente il pensiero del suicidio si deve avere il vuoto intorno e dentro se stessi.

    RispondiElimina
  21. la parola che associo a suicidio è "niente" xchè credo che per compiere un gesto simile bisogna sentirsi davvero il niente dentro

    RispondiElimina
  22. la parola che mi evoca il suicidio è il vuoto...il nulla...

    partecipo e condivido su fb

    Carmen Melfi
    jasminem2004@hotmail.com

    RispondiElimina
  23. L'argomento è triste ma il romanzo sembra bello.
    E' difficile associare una parola a SUICIDIO ma direi la più ovvia, cioè MORTE. In fondo il suicidio è questo, togliersi la vita, morire, togliere la propria presenza dal mondo
    Ciao.

    RispondiElimina
  24. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  25. Io al suicidio associo la parola "egoismo" perchè lo considero un atto egoista.
    Inoltre mi ricorda delle situazioni estreme...

    Questo libro cmq è decisamente interessante e quindi da leggere!

    RispondiElimina
  26. Partecipo al pelo perchè, a forza di vederlo, questo libro ha scatenato la mia curiosità... e adesso devo leggerlo, non c'è altro modo!
    Per quanto riguarda la parola, direi "pasticche". Non so perchè, ma è la prima che mi viene in mente pansado al suicidio.

    RispondiElimina

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!