giovedì 23 marzo 2017

Recensione "L'Incanto del Tempo", di N. Gennari

Buongiorno Lettori, come state? Qui la primavera ha portato con sé pioggia e temporali, il che mi mette sempre di buon umore. E finalmente riesco a parlarvi di una delle mie ultime letture, si tratta di un omaggio che ho davvero gradito e che mi ha da subito incantata grazie alla bellissima copertina. Cosa ne pensate, piace anche a voi? Conoscevate già questo romanzo?

Alla vigilia del ritorno di una oscura tirannia, l'ultima speranza
è riposta nei quattro maghi anziani di Monte Corvo.


Titolo: L'Incanto del Tempo
Autore: Niccolò Gennari
Prezzo: 19,90€
Pagine: 375
Pubblicazione: 2017
Editore: Nulla Die
Valutazione Image and video hosting by TinyPic

Trama: Alla vigilia del ritorno di una oscura tirannia, l’ultima speranza è riposta nei quattro maghi anziani di Monte Corvo. Gli elementali non sono comuni bacchette. Essi discendono dall’Albero della Luce e i loro Incanti comandano direttamente ai quattro elementi. Xinti non è la giovane ragazza che sembra: la sua età nasconde dei segreti, così come il suo passato. Alla ricerca di sé, si ritroverà a combattere oscure creature, obbligata a restare accanto a un folletto, un orco e a tre uomini di cui non si fida.


Spesso dimentico quanto è grande la mia passione per il genere Fantasy, quello classico, che mi trascina in avventure emozionanti in compagnia di maghi, orchi, folletti e combattimenti. Per fortuna di tanto in tanto mi capitano tra le mani romanzi come questo, che tornano a farmi sognare e mi regalano qualche ora di magia e spensieratezza. Con L'Incanto del Tempo, primo volume di una saga che spero riesca a farsi conoscere dai lettori, l'autore ci apre le porte su un mondo fantastico, un mondo in cui il Male sta riacquistando le forze e minaccia di portare con sé guerra e morte. Senza discostarsi troppo dal classico schema del genere High Fantasy, Niccolò Gennari ci presenta i personaggi che andranno a formare il nostro gruppo di eroi, e che bene o male ho apprezzato tutti, in particolare mi è piaciuta la figura di Xinti, che si è rivelata coraggiosa e determinata in questo primo volume. Pagina dopo pagina ho però imparato ad affezionarmi anche al resto del gruppo, tra bisticci e battute mi sono proprio divertita ad accompagnare i personaggi nel loro viaggio.

In principio vi era solo un piccolo minuscolo seme.
E per innumerevoli eternità nulla di diverso accadde,
giacché il tempo stesso non esisteva.
Poi qualcosa cambiò, e il tempo in avanti iniziò a scorrere.
E il seme crebbe dunque in una pianta e infine in un albero.
Albero della Luce sarebbe divenuto il suo nome.

Quando si scrive un Fantasy di questo tipo il rischio di proporre al pubblico una storia trita e ritrita è davvero alto, e non posso negare che in questo primo volume di innovativo ci sia ben poco. Tutto si svolge in maniera abbastanza prevedibile, senza grandi colpi di scena, ma in questo caso non l'ho trovato fastidioso, anzi, è stato piacevole accompagnare Xinti e Joona nella loro missione. Forse è merito dello stile dell'autore, che ha reso la storia scorrevole e facile da seguire, regalando al lettore le giuste descrizioni senza però appesantire o rallentare la trama, o forse mi è solo capitato tra le mani al momento giusto, fatto sta che la semplicità e la mancanza di novità non mi hanno infastidita, anzi, ogni tanto è bello tornare alle origini con un bel Fantasy dallo stampo classico. L'unica pecca è la presenza di refusi nel testo, che ho trovato piuttosto sgradevoli. Ci sono ripetizioni ed errori ortografici in grandi quantità e questo ha penalizzato molto il testo, spero che ai successivi volumi venga dedicata maggiore attenzione, perché ha tutte le carte in regola per diventare una serie di successo! Tirando le somme, io ve lo consiglio. Penso che davanti ad un'avventura appassionante e ben scritta si possa chiudere un occhio sulle lacune che, in futuro, potrebbero essere corrette. Dategli una possibilità, ne vale la pena!


Image and video hosting by TinyPic
Genere: Fantasy classico / High Fantasy
Pagina Facebook del romanzo: L'Incanto del Tempo
Questo libro mi ha ricordato: Eragon, di Christopher Paolini

6 commenti:

  1. Anche io adoro il fantasy, anche se ultimamente gli sto dedicando meno spazio del solito (cosa a cui devo assolutamente rimediare)!
    Questo libro sembra interessante, perché anche se la trama non è originalissima, la mano dell'autore può fare la differenza. Me lo segno! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, e in effetti lo stile dell'autore è riuscito ad appassionarmi :D

      Elimina
  2. A me sembra molto bello :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stata una lettura molto piacevole, sono felice di aver avuto l'opportunità di conoscerlo :)

      Elimina
  3. A me è piaciuto molto il rapporto complicato tra Joona e Xinti e tra i due il mio preferito è Joona anche se secondo me ha qualche problema con l'alcool XD

    RispondiElimina

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!