giovedì 12 gennaio 2012

Una scena tratta dal mio libro


In realtà avevo deciso di pubblicare questo post nel momento in cui avrei caricato il video FAQ sulla scrittura, ma mi sono resa conto che probabilmente quello sarà l'ultimo video a cui risponderò, di conseguenza ci vorrà parecchio tempo.. ho quindi deciso di pubblicarlo ora ^^

Solo per voi, una brevissima scena tratta dal capitolo 29 del mio libro ^^
(preciso che L. è un ragazzo, e la scena è raccontata in prima persona dalla protagonista) ^^


"L. mi guidò in una parte del giardino dove non mi ero mai addentrata, e improvvisamente mi resi conto che era molto più grande di quel che pensavo. I cespugli di fiori lasciavano il posto a piante più rigogliose e verdi, e i ciliegi aggraziati venivano lentamente sostituiti da faggi e altri alberi di cui a stento vedevo le foglie verdi allungate. Il terreno era un po’ più accidentato della parte in cui ero solita passeggiare, e ogni tre metri L. si girava a controllare che non fossi rimasta incastrata chissà dove, tra radici e rami. Le lanterne dorate si erano fatte più rade, ma nonostante il buio L. sapeva esattamente dove andare. Cosa c’era di così speciale da vedere in mezzo a quegli alberi?
L. si fermò di colpo, e per poco non gli finii addosso. Sbirciai al di sopra della sua spalla, e mi trovai a sbattere le palpebre per essere sicura che quel che stavo vedendo fosse vero: una porta. Una porta di legno intagliata se ne stava pacificamente incastrata in un muro a semicerchio, come se fosse stato messo lì per chiudere qualcosa all’interno. La luce della luna illuminava a malapena la porta, e non riuscivo a capire cosa fossero i disegni intagliati nel legno scuro e rovinato, ma vedevo con chiarezza i rampicanti e l’edera farsi strada sul muro alto e vecchio. Tutto in quel posto dava l’idea di essere abbandonato.
«Mio padre vuole che sia sempre chiuso a chiave,» mi spiegò L. , aprendo la porta con uno scricchiolio «ma ogni volta che non c’è torno ad aprire… non sa che ho preso l’altra chiave, o forse lo sa e non gli importa.»
Si fece da parte per lasciarmi entrare per prima, e questa volta davvero non trovai parole per dire ciò che pensavo. All’interno di quel muro, nascosto dalla porta intagliata che se ne stava pigra a fargli da guardia, c’era un bellissimo giardino selvaggio e incolto. Ciò che mi lasciò di stucco fu il buio che vi regnava, interrotto solo dalle lanterne, e mi ci volle un istante a capire perché la luce della luna non arrivasse fin lì. In prossimità del muro crescevano alcuni alberi alti, che con le fronde coprivano il cielo fino a formare un vero e proprio tetto di foglie verdi, che nemmeno la luce delle stelle riusciva ad attraversare. C’era un odore pungente di terra e fiori, che nonostante fosse molto forte non riusciva ad essere sgradevole, e il fresco era impressionante. Ero lì da un minuto e già avevo i brividi.
«Era il giardino di mia madre.»
Lo stomaco mi fece un salto mortale all’indietro quando L. me lo sussurrò all’orecchio, in un soffio leggero. Ero conscia della sua presenza alle mie spalle, solo non pensavo che fosse così vicino, vicino abbastanza da sentire i suoi capelli solleticarmi la nuca e il calore del suo corpo scaldarmi la schiena."

16 commenti:

  1. Quale onore! :)
    Riesco a vedere questo magico giardino e anche a sentire il profumo di tutto questo verde, insieme ad L. e questa misteriosa ragazza.

    RispondiElimina
  2. E' bellissimo, Ro'. Reale, fluido, emozionante... continua così, che vai alla grande! *__*

    RispondiElimina
  3. Grazie mille ragazze ^^ sono felice che vi sia piaciuta :D trovo che in questa scena in particolare ci sia qualche problema di punteggiatura, ma può darsi che sia semplicemente perché essendo postata dritta dritta sul web io cerchi ogni piccolo difetto, non so! xD

    RispondiElimina
  4. E' stupendo! Complimenti, sei bravissima *_*

    RispondiElimina
  5. Complimenti è bellissimo!:))
    Mentre leggevo riuscivo a costruirmi mentalmente questo fitto bosco,la porta intagliata,il giardino... e se ciò accade vuol dire che quello che leggo mi piace sul serio!<3

    RispondiElimina
  6. Ero indubbiamente curiosa di leggere! I miei complimenti^^ hai uno stile molto fluido! Brava!! :)

    RispondiElimina
  7. Brevissimo frammento di paradiso.
    Non solo ho adorato tutto ciò che hai descritto, ma anche il modo in cui lo hai descritto.
    Vorrei tanto leggere qualcosa di tuo pubblicato su carta un giorno.
    Complimentissimi ;)
    Mi pare di aver notato, come dici tu, qualche piccolissima imperfezione di punteggiatura, ma nulla di grave :)

    RispondiElimina
  8. @Mockingjay, Morna, grazie mille! ^^

    @Robbj, grazie! Una delle cose che mi piace è proprio quella di riuscire a far SENTIRE al lettore ciò che sta leggendo, e il tuo commento mi fa capire che in qualche modo ce la faccio ^^

    @Tsuki no hime, è assolutamente vero! ^^ non so esattamente cosa ci sia, ma ogni volta che la rileggo ci trovo qualcosa di "sballato" nella punteggiatura.. xD sono felice che comunque ti sia piaciuta ^^

    RispondiElimina
  9. L'ho letto tutto d'un fiato!!!
    Come sono curiosa adesso...chissà se un giorno potremo comprare un tuo libro?? Io lo spero tanto ^_^
    Il tuo modo di scrivere è dettagliato al punto giusto e scorrevole.
    Quando ho finito di leggere mi è venuta una leggera reminiscenza de "Il giardino segreto"!
    Complimenti Rowan, scrivi bene, e non te lo dieri se non lo pensassi veramente!
    Claudia

    RispondiElimina
  10. ^^ adesso sì che sono curiosa di leggere tutto il resto!!!!!
    Molto bello, mi sono immaginata subito la porta...

    RispondiElimina
  11. Caspita Ro.....che brava!!! non ho parole...sono riuscita a immergirmi totalmente in quel giardino! complimenti! però non vale.....ora sono stracuriosa!! :(
    chissà se mai lo potrò comprare! lo spero tanto!
    Un bacio "collaboratrice" :D

    RispondiElimina
  12. Dio, ho le lacrime agli occhi. Ti invidio tantissimo e nel frattempo ti stimo in modo pazzesco. Non sai cosa darei per scrivere in questo modo, eppure le mie pagine sono sempre e solo un polpettone di descrizioni farcite di pallosi pensieri silenziosi che più indigesti di così non si può. Mi piacerebbe moltissmo leggere qualcos'altro di tuo anche se a dire la verità, è veramente demoralizzante... Sei bravissima... *w*

    RispondiElimina
  13. @Cecilia, grazie mille ♥

    @Pauley, ma così mi imbarazzo! ^^ no sono davvero felice che questa breve scena ti abbia così emozionato.. è una grandissima soddisfazione *_* ma non demoralizzarti, davvero! Ognuno ha il suo stile e il suo modo di raccontare, è questo il bello :D

    RispondiElimina
  14. Bellissimo!!!
    Mi ricorda tanto Il giardino segreto,che ho amato.
    Spero tanto di vedere un giorno questo libro pubblicato perchè sarei tra le prime a comprarlo.

    RispondiElimina
  15. wow! congratulazioni! il mio sogno più grande è diventare una scrittrice quando ho letto questo racconto mi sono resa conto di una cosa... tu scrivi esattamente come me! :) abbiamo lo stesso stile, lo stesso riguardo nella scelta delle parole, lo stesso fottuto problema con la punteggiatura che, ogni volta dopo aver riletto il racconto,sembra più sbagliata di prima! sono davvero felice che su questa cosa ci assomigliamo così tanto mi hai fatto tornare la voglia di scrivere il mio libro che avevo leggermente accantonato... Quindi grazie e davvero Complimenti

    RispondiElimina
  16. Mi piacciono molto i tuoi video e penso che se tu pubblicassi dei libri mi precipiterei a comprarne al meno uno.

    RispondiElimina

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!