martedì 16 gennaio 2018

Novità in Libreria - Gennaio 2018

Buongiorno Lettori! Pensavate mi fossi dimenticata di tutte le uscite interessanti di questo mese? Niente paura, come al solito ho preso appunti e inizio subito con il presentarvi qualche titolo soft di cui ho già aggiunto alla WL Il giorno in cui ho imparato a volermi bene - la cover tra l'altro mi piace un sacco! - e La cercatrice di corallo, di Vanessa Roggeri, autrice che mi incuriosisce davvero moltissimo. La storia è ambientata in Sardegna, in genere non amo i romanzi che si svolgono in Italia, ma sono sempre felice di uscire un po' dalla mia comfort zone. Interessanti anche i due titoli successivi, ma non credo che entreranno a far parte della mia libreria.


Non importa in che stagione siamo, i thriller non mancano mai, e come al solito ci pensa Newton Compton a rifornire i nostri scaffali. In uscita ci sono L'ospite inatteso, di Patricia Gibney, bestseller in diversi paesi, e La finestra sul parco, di Barbara T. Sissel. Come sempre non ho ancora deciso se li comprerò, ma in WL ho subito messo La felicità domestica, di Tolstoj - queste copertine di Fazi mi fanno impazzire, le adoro! - e Io ti salverò, di Émilie Frèche, la storia di una madre in guerra contro l'Isis per salvare sua figlia.


Concludo con la carrellata di titoli che mi interessa di più, a partire dalla saga completa di The Lock, di P. D. Baccalario, racchiusa per la prima volta in un unico volume. Di questa serie avevo già recuperato il primo romanzo all'usato, quindi penso che lo leggerò presto per decidere se acquistare direttamente il mattone. Vorrei assolutamente prendere anche Cento passi per volare, di Giuseppe Festa, autore molto legato alla natura che apprezzo sempre e che in questo nuovo libro racconta la storia di Lucio, un ragazzino che ha perso la vista da piccolo. Sono curiosissima anche di Fandom, di Anna Day, la trama mi pare davvero una figata, si tratta di uno YA Fantasy in cui Violet, cosplayer e grande fan di un romanzo famoso, si trova improvvisamente catapultata nel suo libro preferito e non ha altra scelta che quella di prendere il posto della protagonista e di vivere la storia, sperando che tutto vada come è stato scritto. Concludiamo con Sono sempre io, di Jojo Moyes, terzo volume della serie dedicata a Louisa Clarke. In tutta onestà non sono entusiasta di questi seguiti, per adesso ho deciso di non leggerli, voi cosa ne pensate, erano necessari?


C'è qualche titolo che vorreste leggere tra questi?

21 commenti:

  1. La felicità arriva quanto scegli di cambiare vita mi piacerebbe leggerlo. Inoltre tra le prossime uscite ho inserito Il tatuatore di Auschwitz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i libri su Auschwitz ho sempre problemi... mi interessano moltissimo, ma prima della Giornata della Memoria ne escono a valanghe e temo sempre siano storie commerciali :(

      Elimina
    2. Io ho letto poco su questo argomento ma effettivamente in generale sulla seconda guerra mondiale non è facile trovare il libro davvero originale e bello.

      Elimina
  2. Ciao, ma quanto carina è la copertina di "La felicità arriva quanto scegli di cambiare vita"?
    Devo proprio leggerlo.
    Ciao,
    Annalisa
    Lettrice di Libri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa! E pensare che io lo sto snobbando proprio per via della copertina xD se ti capita di leggerlo fammi sapere com'è!

      Elimina
  3. Io vorrei tanto leggere Fandom perché mi sarebbe piaciuto entrare in uno dei miei libri preferiti e prendere il posto del/la protagonista e seguire le vicende della storia. Vorrei anche regalarlo ad una mia amica che è una cosplayer

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi aggrego, non so bene perché ma Fandom mi ispira un casino *O*

      Elimina
  4. "Dopo di te" non mi era piaciuto, ma avendo amato "io prima di te" recupereró il terzo, sperando di ritrovare la storia tanto bella del primo tomo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Diletta! A me della Moyes non era piaciuto nemmeno il primo quindi non so proprio se leggere i seguiti... magari prima o poi ç_ç

      Elimina
  5. Anche io penso che questa volta il libro della Moyes lo eviterò. Il secondo in sé non era male, ma lo avrei preferito come storia indipendente che come seguito di un libro che era perfetto così com'era.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alisya! Se un giorno dovessero regalarmi i seguiti (o se dovessi trovarli all'usato/in scambio) magari proverò... per adesso passo!

      Elimina
  6. "Fandom" potrebbe essere carino (anche se ultimamente ho sviluppato una strana sorta di "allergia" ai romanzi YA). La trama sembra particolarmente adatta a una super-nerd come me, del resto... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sophie! Anche io mi sono resa conto di tollerare molto poco gli YA ormai, non so se sia questione di gusti che cambiano o il fatto che ormai non mi rispecchio più nell'età dei personaggi... o semplicemente che negli ultimi anni sono uscite delle porcherie assurde xD Fandom però mi incuriosisce proprio, non so perché!

      Elimina
  7. Io ti salverò e Fandom mi interessano molto. Una terza storia per Louisa Clark? Mmm... Già non ho voluto leggere il secondo però andrò a leggere la trama del terzo per curiosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona! I primi due li leggerò sicuramente anche io ♥ per la Moyes non so proprio che dire, già il secondo ho idea che sia stato scritto solo per questione di marketing, ma adesso anche il terzo... ce n'era bisogno? Non so, magari in futuro li leggerò, ma per adesso non mi interessano.

      Elimina
  8. La Moyes a me non convince per niente, ci ho provato ma proprio non c'è feeling.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stessa cosa Cry, ho letto Io prima di te ma non riesco proprio ad apprezzarlo (al contrario del film, che ho trovato molto carino!)... magari prima o poi le darò una seconda chance, chissà.

      Elimina
  9. Ciao mi ha colpito cento passi per volare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Robby, se ti capita di leggerlo fammi sapere cosa ne pensi! :)

      Elimina
  10. Per me i libri di Lois e Clark terminano col primo libro Io prima di te e quindi non ho letto il secondo, il terzo ancora peggio non mi ispira per niente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non era piaciuto neanche il primo, però preso singolarmente aveva un senso... tutti questi seguiti li trovo davvero inutili, buoni solo a far soldi.

      Elimina

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!