venerdì 22 luglio 2016

Minirecensione "Città delle Anime Perdute"

Buongiorno Lettori! Avete già ceduto all'afa? Io non vedo l'ora che tutto questo caldo se ne vada per tornare a leggere con i miei soliti ritmi! D'estate mi passa la voglia di fare qualunque cosa, che disagio! Oggi però, con un bel po' di ritardo, sono finalmente qui per lasciarvi un breve parere sul quinto volume della saga The Mortal Instruments, ormai c'è solo un romanzo a separarmi dalla fine della serie e sono curiosissima di scoprire come finiranno le avventure dei nostri eroi.

Amore. Peccato. Salvezza. Morte.
Quale prezzo è troppo alto per l'amore?

Titolo: Shadowhunters - Città delle Anime Perdute
Serie: The Mortal Instruments
Autore: Cassandra Clare
Prezzo: 11,50€
Pagine: 549
Pubblicazione: 2013
Editore: Mondadori

Valutazione Image and video hosting by TinyPic

Trama: Lilith, madre di tutti i demoni, è stata distrutta. Ma quando gli Shadowhunters arrivano a liberare Jace, che lei teneva prigioniero, trovano soltanto sangue e vetri fracassati. E non è scomparso solo il ragazzo che Clary ama, ma anche quello che odia, suo fratello Sebastian, il figlio di Valentine. Un figlio determinato a riuscire dove il padre ha fallito e pronto a tutto per annientare gli Shadowhunters. La potente magia del Conclave non riesce a localizzare né l'uno né l'altro, ma Jace non può stare lontano da Clary. Quando si ritrovano, però, Clary scopre che il ragazzo non è più la persona di cui si era innamorata: in punto di morte Lilith lo ha legato per sempre a Sebastian, rendendolo un fedele servitore del male. Purtroppo non è possibile uccidere uno senza distruggere anche l'altro. A chi spetterà il compito di preservare il futuro degli Shadowhunters, mentre Clary sprofonda in un'oscura furia che mira a scongiurare a ogni costo la morte di Jace?

«Tutti nascondiamo qualcosa. Lo nascondiamo a chi amiamo perché vogliamo mostrare soltanto il meglio di noi.»

Continua il mio viaggio attraverso i romanzi della Clare per rimettermi in pari sulle varie saghe dedicate agli Shadowhunters... e un altro volume è andato. Questo, lo ammetto, mi spaventava un po' vista la delusione del romanzo precedente. E, anche se ci ho messo parecchio a leggerlo, alla fine mi è piaciuto abbastanza. Più convincente di Città degli Angeli Caduti, insomma, ma comunque lontanissimo dall'ironia della prima trilogia, che sono sempre più convinta dovesse rimanere tale.
Questo nuovo capitolo dedicato a Jace e Clary è partito come sempre in modo un po' lento, per fortuna lo stile della Clare riesce sempre a coinvolgermi, perché la storia ci mette parecchio ad ingranare. Il problema più grande di questa trilogia è che, secondo me, non era affatto necessaria... la trama prosegue in maniera piacevole, ma poco naturale ed elettrizzante, al contrario dei primi tre volumi. Ho trovato alcune parti un po' piatte, non riesco a non pensare che, conoscendo le capacità della Clare, questo romanzo poteva essere molto meglio. La pecca più grande sono proprio Jace e Clary, che nella prima trilogia da soli sarebbero bastati a tenere in piedi tutta la storia grazie all'ironia e alla sincerità della loro storia d'amore, adolescenziale, ma sempre emozionante. In questa seconda parte della saga la coppia si è spenta, il che non mi fa una grande differenza per Clary, che non ho mai amato, ma vedere un personaggio carismatico come Jace ridotto a un semplice nome su carta, senza più lo charme che lo caratterizzava... ah, che colpo al cuore! Questo mi ha permesso però di apprezzare personaggi  a cui prima avevo prestato poca attenzione, come Alec e Magnus, ma anche Isabelle e Simon, oserei dire che è solo grazie a loro se questo volume non si è rivelato un fiasco totale. Altra novità positiva - chi lo avrebbe mai detto - è l'approfondimento del personaggio di Sebastian, che non riuscirà mai a piacermi del tutto, ma è riuscito a stuzzicare la mia curiosità.

Il Nero per cacciare quando il sole muore
Bianco è il colore per il lutto e il dolore
Oro per l'abito che la sposa ha indosso
E, per invocare l'incantesimo, il rosso.

Voto medio, quindi, per questo penultimo volume della serie The Mortal Instruments. Ha una marcia in più rispetto al precedente, ma non sono rimasta soddisfatta, è come se la Clare si sia persa per strada tutta l'originalità della saga e stesse arrancando verso un finale troppo prevedibile che poteva essere evitato, dato che Città di Vetro aveva, a mio parere, un finale di tutto rispetto. Questo sembra più che altro un remake dei romanzi precedente, sempre piacevole perché la Clare ha talento e sa tenere il lettore incollato alle pagine, ma è innegabile il calo, sia della serie che dei personaggi. Riuscirà la mia amata Cassie a risollevare questa fantastica storia e a regalarmi un finale con i fiocchi? Lo scoprirò presto, Città del Fuoco Celeste mi aspetta sul comodino.

Image and video hosting by TinyPic
Genere: Young Adult / Fantasy
Della stessa autrice: Shadowhunters - Le Origini
Opere derivate: Shadowhunters-Città di ossa (film 2013)
                     Shadowhunters (serie televisiva 2016)

9 commenti:

  1. Sai che ancora devo iniziare Shadowhunters non lo so ancora non è arrivato il loro momento ma sono super curioso di iniziare le origini le nuove edizioni non si possono vedere non mi piacciono per niente sopratutto le coste brutte! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì le edizioni nuove sono proprio bruttine, sarà che a me il rosso non piace.
      Però Le Origini meritano proprio, l'ambientazione vittoriana è splendida.

      Elimina
  2. Concordo con la tua recensione! La prima trilogia bastava e avanzava, ma Città del Fuoco Celeste ti piacerà sicuramente almeno per una cosa: vedrai di nuovo due vecchie (vecchissime) conoscenze. Inoltre è assolutamente necessario per poter leggere Signora della Mezzanotte che a mio parere viene subito dopo La Principessa come bellezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jess! Sono felice di sapere che la pensi come me, in genere quando dico che la seconda trilogia è inutile mi tirano pomodori. So chi rivedrò nell'ultimo romanzo, e infatti è il motivo per cui mi sono spicciata a leggere questo capitolo della serie ahaha, non vedo l'ora ♥ penso che Lady Midnight mi piacerà molto, ho una buona sensazione, soprattutto su Emma :D

      Elimina
  3. Ciao Rowan mi sono catapultata sulla tua recensione per cercare di capire se fosse arrivato il momento di dare una seconda chance alla Clare, si insomma mi sa che mi dovrei rinchiudere a casa e leggere tutti i libri di fila ma purtroppo all'epoca del film mi sono fermata al primo libro e poi ci sono state sempre nuove uscite e niente da fare per la Clare! Prima o poi la recupererò ma la tua recensione mi è piaciuta molto e vedrai che prima o poi ce la farò a leggere la Clare, fai il tifo per me? xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film - così come la serie TV - mi sono rifiutata di vederli! Guarda, se come trama ti interessano di più io ti consiglio di leggere Le Origini, sono solo tre e puoi leggerli senza temere spoiler sulle altre saghe... e sono i migliori secondo me :P faccio il tifo coi pom pom, sono curiosissima di sapere che ne pensi!

      Elimina
  4. Sono sempre più curiosa di leggere questa saga :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tanto che ti piaccia Cry! :)

      Elimina
  5. Ciao Seli, lo sai che adoro questa serie ma ammetto che questo volume è quello che forse mi ha un pò lasciato così rispetto magari ad altri che ho apprezzato molto di più, l'ultimo devi leggerlo per concludere una bella storia anche se ti accorgerai che alcune cose sono state messe in prospettiva della stesura di un altro libro che è Signora della Mezzanotte.

    RispondiElimina

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!