giovedì 9 giugno 2016

Cover Shift - Dimmi tre segreti & La notte che ho dipinto il cielo

Buongiorno Lettori, e buon giovedì! Il weekend è alle porte, che programmi avete? Io devo assolutamente dare un'occhiata alla grafica estiva per decidere se fare qualche modifica, anche se il tempo è sempre poco e di mettermi a paciugare con Photoshop non ho molta voglia. Oggi però è tempo di Cover Shift, spero che i romanzi che ho scelto - e le loro cover - vi piacciano!

Cover Shift è una rubrica a cadenza casuale in cui vi mostrerò le copertine dei vari paesi di un determinato libro e sceglierò la migliore e la peggiore, secondo il mio personale punto di vista.

Dimmi tre segreti, di Julie Buxbaum
Solo libri belli, oggi! Mettendo da parte la trama, che mi incuriosisce tantissimo, la copertina italiana di Dimmi tre segreti mi è subito piaciuta, nonostante il bianco e il rosa siano due colori che detesto. Non so spiegare perché, ma la trovo dolce e frizzante, in più mi piace il contrasto tra lo smalto bianco della modella e il cuore glitterato, strano ma vero! Carino anche il font usato per il titolo, forse il colore è un po' troppo acceso, ma è in tinta con il resto della copertina. Non posso negare che anche la cover originale sia davvero dolce, anche se in maniera diversa, e forse la preferisco a quella scelta dalla DeA... i colori mi piacciono di più e quei waffle coperti di zucchero a velo sono davvero irresistibili: questo round lo vince la copertina originale!


La notte che ho dipinto il cielo, di Estelle Laure
Anche per questo romanzo ero rimasta piacevolmente colpita dalla copertina italiana, le sagome scure su sfondo colorato mi conquistano sempre, e l'eleganza di quella farfalla, che si abbina al titolo, mi era proprio piaciuta. Devo dire però che la cover originale stravince, è semplicemente stupenda! La sfumatura dei colori la fanno sembrare un dipinto, e il font è davvero bello. Mi piace anche il bordo irregolare che gli fa da cornice, penso che nell'insieme sia venuta davvero benissimo, in libreria avrebbe sicuramente attirato il mio sguardo, quindi anche per questa volta il mio voto va alla copertina originale, anche se le trovo belle entrambe.


E voi cosa ne pensate, preferite le cover originali o le nostre?
Avete letto questi due libri?

15 commenti:

  1. Ammetto che questa volta preferisco quelle italiane :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non pensavo! Dai le ho scelte bene allora, questa volta :D

      Elimina
  2. Anche io preferisco decisamente quelle italiane :)
    Però il libro della Laure, trovo anche carina anche quella originale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luisa, mi fa piacere! Io come al solito faccio la pecora nera xD

      Elimina
  3. Originale per Dimmi Tre Segreti (che ho amato) e italiana per "La notte che ho dipinto il cielo). In entrambi i casi non avrebbero guastato qualche pagina in più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jess! Ho entrambi i libri in WL, spero di leggerli prima o poi :)

      Elimina
  4. Per "Dimmi tre segreti" preferisco l'originale e invece per "La notte che ho dipinto il cielo" preferisco quella italiana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per La notte che ho dipinto il cielo hanno fatto proprio un bel lavoro!

      Elimina
  5. E' vero pazzesco preferisco le cover italiane sono stupita da me stessa ahaha xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha Ely, ogni tanto succede! xD

      Elimina
  6. Ciao! La notte che ho dipinto nel cielo ha una cover che adoro =D

    RispondiElimina
  7. Ciao Seli!
    Personalmente mi piacciono le copertine della Dea in entrambi i casi.
    Ti ho appena nominata in un Tag :-) spero non ti dispiaccia fallo solo se ne hai voglia. purtroppo non sono capace a mettere qui il collegamento con il mio blog per cui se ti capita di andarci vai a vedere il post del 9-06-2016 Tag I più e i meno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ancora di avermi taggata, lo farò presto :)

      Elimina
    2. Figurati mi fa molto piacere conoscere le tue risposte:-)

      Elimina

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!