venerdì 4 dicembre 2015

Recensione: "Olga di carta"

Buon venerdì Lettori!
Oggi si apre la quarta casellina del Calendario dell'Avvento e mi rendo conto che il tempo scorre davvero in fretta. È da un po' che il mio Antro non ospita una bella recensione, quindi sono felicissima di potervi finalmente parlare del nuovo romanzo di una delle mie autrici preferite di sempre, che come avrete capito ho amato da morire.

«Siamo tutti diversi in questo mondo.»

Titolo: Olga di carta-Il viaggio straordinario
Autore: Elisabetta Gnone
Prezzo: 16,40€
Pagine: 304
Pubblicazione: 2015
Editore: Salani


Valutazione
Trama: Olga Papel è una ragazzina esile come un ramoscello e ha una dote speciale: sa raccontare incredibili storie, che dice d'aver vissuto personalmente e in cui può capitare che un tasso sappia parlare, un coniglio faccia il barcaiolo e un orso voglia essere sarto. Vero? Falso? La saggia Tomeo, barbiera del villaggio sostiene che Olga crei le sue storie intorno ai fantasmi dell'infanzia, intrappolandoli in mondi chiusi perché non facciano più paura. Per questo i racconti di Olga hanno tanto successo: perché sconfiggono mostri che in realtà spaventano tutti, piccoli e grandi. Un giorno, per consolare il suo amico Bruco, dal carattere fragile, Olga decide di raccontargli la storia della bambina di carta che un giorno partì dal suo villaggio per andare a chiedere alla maga Ausolia di essere trasformata in una bambina normale, di carne e ossa. Il viaggio fu lungo e avventuroso: s'imbatté in un venditore di tracce, prese un passaggio da un ragazzo che viveva a bordo di una mongolfiera e da un altro che attraversava il mare remando. Più volte rischiò la vita, si perse, ma fu trovata da un circo. E quando infine trovò la maga, solo allora la bambina di carta comprese quante cose fosse riuscita a fare...


Mi succede raramente di mettermi al computer per scrivere una recensione subito dopo aver terminato un libro. Oggi l'ho fatto, ma non so da che parte iniziare a parlarvi di Olga, perché faccio davvero fatica a mettere per iscritto ciò che questo delicatissimo romanzo mi ha regalato.
Partiamo dalle cose semplici: Elisabetta Gnone. Una garanzia, per me. A distanza di tantissimi anni dalla prima lettura la serie di Fairy Oak resta una delle mie preferite, capace di infondermi coraggio e di strapparmi un sorriso sempre e comunque. L'uscita di Olga di carta è stata accolta con grande entusiasmo dai fan delle gemelle Periwinkle, me compresa, che come una bambina contavo i giorni che mi separavano dall'uscita di quella che si presentava come una nuovissima e magica lettura.. sapevo che avrei amato Olga, ma non pensavo che la sua avventura mi avrebbe emozionato fino a questo punto.
Il romanzo vanta una trama davvero particolare e ricca di personaggi buffissimi, che racconta due storie in una: Olga Papel è una ragazzina di 11 anni che vive in un piccolo villaggio e ha una dote straordinaria, quella di inventare avventure e storie incredibili, che gli altri abitanti amano ascoltare. Un giorno, Olga inizia a raccontare la storia di una bambina fatta di carta, decisa a intraprendere un viaggio straordinario per giungere al cospetto di una maga e farsi trasformare in una bambina normale.

La saggia Tomeo sostiene che Olga crei le sue storie intorno ai fantasmi dell’infanzia, intrappolandoli in mondi chiusi perché non facciano più paura. Per questo i racconti di Olga hanno tanto successo: perché sconfiggono mostri che in realtà spaventano tutti, piccoli e grandi.

La Gnone gestisce queste due storie con grandissima abilità, con il suo stile delicato e scorrevole è riuscita ad appassionarmi e ad incuriosirmi, portandomi addirittura a sognare i personaggi del romanzo e facendomi affezionare a tutti loro. E se nella prima parte del romanzo sono stata catturata dall'avventura, dai personaggi buffi e dalla simpatia della sottile Olga di carta, man mano che leggevo ho iniziato a comprendere ciò che l'autrice stava realmente raccontando: la storia di Olga, quella della piccola bambina di carta, e di un dolore nascosto in fondo al cuore. Olga di carta è molto più di un romanzo per ragazzi, molto più di una storia piacevole.. mi sono trovata davanti ad un messaggio profondo che è riuscito a commuovermi per la delicatezza con cui arriva al lettore. La storia di Olga Papel è deliziosa, ma nascosto tra le righe si scorge qualcosa che solo nella parte del finale prende davvero forma, qualcosa che riesce sempre ad emozionarmi, soprattutto quando non me lo aspetto, e che mi ha portata a chiudere il libro con un gran groviglio di pensieri e sentimenti contrastanti. Stupore, tristezza, felicità.
Un romanzo meraviglioso, che attraverso il viaggio di una bambina di carta è in grado di far riflettere su argomenti profondi e che lascia un segno indelebile nel cuore del lettore. Un piccolo gioiello che consiglio ai piccoli, ma soprattutto ai grandi, perché il messaggio nascosto nella storia di Olga è intenso, dolce e sconvolgente.
Elisabetta Gnone non racconta una favola per bambini, ma il percorso interiore di una ragazzina che, dietro al dono di inventare avventure, cerca un modo per affrontare una grande paura.
Un romanzo di una delicatezza unica, che mi ha regalato sorrisi, nuovi amici e, lo confesso, anche una lacrimuccia. Delizioso come regalo, meraviglioso se acquistato per sé stessi. Mi ha fatto riflettere tantissimo e in una parola posso dire solo: indimenticabile.

I consigli dell'Antro:
Cibo/bevanda: focaccine con miele e frutti di bosco
Da leggere: in primavera, d'inverno, d'estate, a tutte le ore
Voglia di: una storia dolce e avventurosa

18 commenti:

  1. Splendida recensione tesoro, e visto che la Vodafone mi ha appena regalato 5 euro da spendere alla Mondadori, mi sa che domani vado a comprarlo! L'ho sfogliato l'altra sera e mi sembra davvero bellissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuro, sarò anche di parte perché amo l'autrice, ma sono rimasta davvero sorpresa da Olga.. pensavo che sarebbe stato impossibile superare Fairy Oak, e sebbene siano storie diverse hanno valori molto simili, la Gnone sa parlare al cuore delle persone, c'è poco da fare.

      Elimina
  2. Come sai Fairy Oak non mi ha entusiasmata, ma sarà perché avevo iniziato dal secondo (che poi lo comprai appena uscì, nel lontano 2006, avevo 12 anni e non avevo internet e non avevo idea fosse una saga. Troppe cose messe assieme. XD) Questo mi incuriosisce molto e dopo la tua recensione, lo voglio assolutamente. Appena ne avrò l'occasione, lo comprerò. Dalle tue parole sembra bellissimo, quindi, non vedo l'ora. Grazie a te ho dato anche un'occasione alla Funke con Cuore d'Inchiostro e lo snobbavo! Quindi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo, sì. Devo ammettere che quando ho letto per la prima volta Fairy Oak non ero proprio piccina, ma me ne sono innamorata comunque, e anche rileggendolo 3 anni fa l'emozione è stata grandissima. È una serie ricca di magia, colori e profumi, che cresce di volume in volume insieme ai suoi personaggi. C'è dolcezza, paura, coraggio.. e lancia un messaggio splendido, che nonostante l'età mi commuove sempre. Non so dirti se rileggendola al completo e nell'ordine giusto finirai per ricrederti, ma è una storia a cui devi dare senz'altro una possibilità, secondo me insegna moltissimo ai più piccoli e ai grandi che, come noi, sanno ancora farsi emozionare dalla magia.
      Olga richiama molto le gemelle di Fairy Oak, entrambi i libri trasmettono gli stessi messaggi positivi, sono quasi certa che li apprezzerai entrambi :)

      Elimina
  3. Concordo con il tuo parere, una storia molto bella e scritta magistralmente. Spero ci saranno delle nuove avventure con protagonista Olga. Mi sono piaciuti anche i disegni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero invece che la storia sia conclusa, non sono una fan delle serie, per quanto Olga mi sia rimasta nel cuore trovo che la sua avventura si sia conclusa nel più giusto dei modi ♥ le illustrazioni sono splendide, ero troppo presa dalla trama per dirlo nella recensione, ma sono davvero deliziose!

      Elimina
  4. Io non ho mai letto nulla della Gnone ma mi ha sempre incuriosito e mi piacerebbe leggere la saga di Fairy Oak. Anche questo romanzo lo prendo, lo tocco, lo apro, lo sfoglio... insomma gli faccio una corte spietata ogni volta che entro in una libreria, anche perché ho letto davvero tante recensioni positive!! Credo che prima o poi sarò costretta a cedere!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo, devi assolutamente rimediare, sia per Fairy Oak che per Olga! Sarò anche di parte, ma credo che entrambi potrebbero piacerti molto ♥

      Elimina
  5. La tua recensione mi ricorda che, nonostante io abbia fatto il countdown dell'uscita del libro, non l'ho ancora comprato... Credo che farò in modo che mio fratello me lo regali per Natale, anche perché prima di allora non ho tempo di leggere nemmeno i libri per scuola, figuriamoci quelli per mio diletto personale ><
    Ho amato Fairy Oak, la trama di Olga mi incuriosita, la tua recensione ancora di più, quindi non vedo l'ora di leggerlo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per gli amanti di Fairy Oak Olga è una vera chicca! La storia è diversa, ma la penna della Gnone è inconfondibile, trasmette emozioni davvero dolcissime.. leggilo il prima possibile! :)

      Elimina
  6. Spesso i libri "per ragazzi" sono considerati narrativa di serie B. Invece ci si trovano gioielli preziosi come questo e altri che sono nella lista dei miei preferiti. Sanno essere poetici senza scadere nello sdolcinato per adulti, lasciano messaggi profondi con grande delicatezza e non hanno nulla da invidiare alla letteratura cosiddetta "alta".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potrei essere più d'accordo, Simo! Quante storie per bambini sono riuscite a commuovermi nessuno lo sa. Mi basta pensare a "I fratelli Cuordileone", "Stravaganza", "Le tre pietre".. per scrivere qualcosa destinato ai ragazzi un autore deve prestare molta più attenzione ai messaggi che trasmette rispetto a chi scrive per gli adulti, ci sono storie per bambini dai contenuti così intensi che non hanno nulla da invidiare a classici e affini.

      Elimina
  7. Aspettavo con ansia questa recensione, e devo dire che mi ha lasciata pienamente soddisfatta! Ho amato follemente Fairy Oak, e non posso lasciami scappare questa piccola perla :') Sarà uno dei miei regalini per Natale ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai amato Fairy Oak stai sicura che anche Olga ti ruberà un pezzetto di cuore! È meno "immediata" come storia, ma lascia davvero tantissimo ♥

      Elimina
  8. Lo ho visto in libreria pochi giorni fa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se dovessi decidere di leggerlo fammi sapere cosa ne pensi :)

      Elimina
  9. messo tra i libri che voglio leggere. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Robby! Spero tanto che ti piaccia, se lo leggi fammi sapere che ne pensi :)

      Elimina

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!