giovedì 24 settembre 2015

Minirecensione: "Nemesi"

Bentornati Lettori!
L'autunno è ufficialmente arrivato e io sto cercando di non morire assiderata: 11°, vento gelido e prima spolverata di neve sulle montagne. Muoio. Di. Freddo.
Comunque.. come sapete mi capita raramente di leggere e recensire romanzi in formato digitale, ma ogni tanto faccio un'eccezione e in questo caso ne è valsa la pena. Se siete alla ricerca di una storia che vi regali un po' d'azione e qualche brivido Nemesi fa proprio al caso vostro!

Quando esistevano i funerali era tutto più semplice.

Titolo: Nemesi
Autore: Donatella Perullo
Prezzo: 0,99€ eBook
Pagine: 89
Pubblicazione: 2015
Editore: autopubblicato
Valutazione
Image and video hosting by TinyPic
Trama: Un parassita alieno trasforma gli esseri umani in zombie famelici. L’unico scienziato, in grado di debellare la pandemia, decide invece di sfruttarla per dominare il mondo e crea un esercito spietato e affamato di carne umana, pronto a seguirlo nella sua follia. Non è disposto a fermarsi dinanzi a nessuno, neanche per la salvezza di sua figlia Miriam che, anzi, vuole al suo fianco, nel folle progetto di dominio totale. Miriam ha una vita tranquilla, è campionessa di Pentathlon, vive con il suo pastore tedesco, fa la veterinaria e il suo cuore batte per Thiago, un ragazzo che tutte le mattine incrocia facendo footing, ma che non ha ancora avuto il coraggio di conoscere. Non immagina che il mondo stia per essere stravolto dalla più immane tragedia che la storia abbia mai conosciuto. Non sa che tutti i suoi sogni sono destinati a infrangersi e che a distruggerli sarà proprio suo padre. Annientata, Miriam troverà la forza di reagire grazie a Thiago. Insieme, riusciranno a dominare l’orrore in cui sono piombati?


Ci sono libri che  ci capitano tra le mani al momento giusto e questo è il caso di Nemesi, un breve romanzo autopubblicato in ebook da Donatella Perullo, già autrice di Lacrime D'Ametista, uscito per la Butterfly Edizioni. Come ormai sapete non leggo spesso in formato digitale, ma ho voluto fare un'eccezione perché, come dicevo, la storia di Thiago e Miriam mi ha incuriosita fin da subito grazie alla trama. Che in questo periodo sono fissata con gli zombie lo sanno anche i muri, quindi ho colto la palla al balzo e mi sono buttata a capofitto in questa storia horror. La trama l'ho trovata a dir poco geniale, ero convinta che mi sarei trovata davanti al solito virus e invece l'autrice ha saputo sorprendermi, dando prova di avere un'immaginazione davvero niente male.
Nonostante il numero di pagine sia molto ridotto la storia risulta lo stesso ben intrecciata e, in pochi capitoli, i personaggi hanno preso forma e spessore, dando così vita ad una lettura scorrevole ma anche appassionante. Come al solito l'avrei apprezzato di più se si fosse trattato di un romanzo più corposo, non essendo io un'amante dei racconti, ma in questo caso posso ritenermi soddisfatta e spero che in futuro l'autrice ci regali un bel seguito per scoprire come proseguono le macabre avventure dei protagonisti. Lo stile narrativo è semplice e piacevole, ma sono certa che col tempo qualche miglioramento si potrà fare, in particolar modo per quel che riguarda i dialoghi, che in alcuni punti mi sono sembrati un po' inverosimili. Belle e molto azzeccate, invece, le descrizioni leggermente splatter, che rendono la lettura più coinvolgente.
3 stelle meritate per la storia di Thiago e Miriam, che ho letto in un paio d'ore con piacere e che a tratti mi ha ricordato un altro romanzo che ho apprezzato di recente, Finché zombie non ci separi, di Jesse Petersen. Si tratta ovviamente di un racconto da prendere alla leggera, ma che mi sento di consigliare se vi piace il genere.. anche perché una volta tanto l'amore, pur essendo presente, ha un ruolo minore rispetto all'azione!


I consigli dell'Antro:
Cibo/bevanda: panna cotta con salsa di lamponi
Da leggere: in un pomeriggio piovoso
Voglia di: azione e avventura

9 commenti:

  1. Bellissima recensione Seli! Farò tesoro del tuo appunto sui dialoghi, gli esami non finiscono mai ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che la recensione ti sia utile, grazie ancora per avermi dato la possibilità di leggerlo ♥ Presto mi dedicherò a Lacrime d'Ametista!

      Elimina
    2. Beh che dire...non vedo l'ora! <3

      Elimina
  2. Sembra carino! :) Non prediligo particolarmente i racconti però il tema mi attira. Nel frattempo lo metto in wl e magari più avanti ci farò un pensierino :) Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuls! Anche io non amo molto i racconti (difficilmente la storia riesce a coinvolgermi), in questo caso però Donatella è riuscita a sviluppare e intrecciare una buona trama, in poche pagine, il che mi ha sorpreso positivamente :)

      Elimina
  3. Sembra interessante, quasi quasi lo aggiungo alla wl. :)
    Colgo l'occasione anche per dirti che ti ho taggata qui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco! Io l'ho trovata una lettura carina, se decidi di leggerlo fammelo sapere :)
      Passo subito a vedere il Tag, grazie!

      Elimina
  4. Complimenti per la tua recensione, leggerei con piacere questo libro dalla trama interessante e dalla cover inquietante :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, sono felice che ti sia piaciuta :)

      Elimina

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!