venerdì 21 agosto 2015

Recensione: "Mi vuoi sposare?"

Buon venerdì Lettori!
Mentre ero in montagna, qualche settimana fa, ho avuto modo di leggere questo carinissimo romanzetto. Si tratta di un omaggio dalla Cento Autori, che ringrazio nuovamente perché mi ha permesso di trascorrere un pomeriggio in compagnia di Lisa e delle sue buffe avventure.
P.S vi avviso che da domani fino al 30 agosto ci sarà qui con me la mia gemellina Angelica! Posterò tutto come al solito e terrò d'occhio l'Antro, ma sarò meno presente.

Una wedding planner alla ricerca del marito perfetto.

Titolo: Mi vuoi sposare?
Autore: Elisabetta Belotti
Prezzo: 7,50€
Pagine: 170
Pubblicazione: 2015
Editore: Cento Autori


Valutazione
Image and video hosting by TinyPic
Trama: Lisa, trentenne wedding planner, ha tutto ciò che aveva sempre desiderato: il lavoro dei suoi sogni, un fidanzato bello e ricco con cui convive, delle amiche fidate. Ma, quando scopre per caso che il fidanzato l'ha tradita, e per giunta con una ragazza dell'Est che, più che una bellezza da copertina, ricorda una Yoko Ono in parrucca bionda, deve rimettere in discussione la sua vita. Affittato un minuscolo monolocale e incitata dalla socia Bea, a sua volta vittima di un amore impossibile, Lisa si immerge nel folle mondo delle single di ritorno, con l'obiettivo di trovare un nuovo fidanzato e, naturalmente, di sposarlo. Solo per scoprire, a sue spese, che gli uomini "sul mercato" non sono così appetibili come sembrano! Tra primi appuntamenti disastrosi, incontri inattesi, week-end snervanti e un massiccio uso dei social network, Lisa si adatta alla nuova realtà. Riuscirà a ritrovare l'amore?


Non so voi, ma io non appena arriva l'estate setaccio le librerie in cerca di qualche romanzo leggero che possa tenermi compagnia durante la stagione calda. Cambiano i vestiti nell'armadio e cambiano le mie letture sul comodino. Lo faccio principalmente perché, con l'afa, la mia voglia di leggere cola drasticamente a picco e ho bisogno di romanzi corti e leggeri che mi aiutino a sopravvivere fino all'arrivo dell'autunno. Quest'anno ho avuto la fortuna, grazie ad una collaborazione appena allacciata con la Cento Autori, di poter leggere ben due storie molto simpatiche. La prima, Non voglio essere famosa!, mi è piaciuta un po' di più, ma anche Mi vuoi sposare? ha fatto il suo lavoro in modo ottimale: mi ha distratta un po' dal caldo regalandomi qualche ora di relax. Si tratta di un romanzetto molto breve, che io ho divorato nel corso di un pomeriggio e che ho trovato davvero allegro, perfetto da portare in spiaggia e da gustare sotto l'ombrellone con un bel gelato.


Mentre Carlo mi mette il braccio intorno alla vita per sostenermi, visto che caracollo sui tacchi, avverto il suo profumo un po' aspro: essenza di ginepro con un tocco di basilico.. basilico? Ancora cibo? Che il diavolo si porti via tutto ciò che ho ingurgitato stasera!
Ed è il colpo di grazia. Proprio quando Carlo avvicina il suo volto al mio, con il chiaro intento di baciarmi, avverto il primo conato. Mi scosto bruscamente e vomito.
Sulle sue scarpe.

La storia, diciamolo, inizia con il più classico dei cliché: la protagonista trentenne che viene tradita dal fidanzato storico e, superata la crisi, si vede costretta a buttarsi nella mischia in qualità di single alla ricerca del marito perfetto. La trama sta in piedi solo grazie a una serie di malintesi divertenti e situazioni buffissime, ma ho apprezzato la capacità dell'autrice di mischiare le scene più assurde e le figuracce più imbarazzanti a temi più importanti come il tradimento, la famiglia e l'amicizia. Mi sarebbe piaciuto che i personaggi venissero sviluppati un po' meglio, ma bisogna anche prendere in considerazione il numero ridotto di pagine. Questo, ovviamente, mira ad essere un romanzo spensierato, non una lettura profonda, quindi è un difetto su cui posso sorvolare senza troppi problemi.
Lo stile mi è piaciuto, semplicissimo e ironico, perfettamente in linea con i chick-lit che ho già avuto modo di leggere. In conclusione: una storia positiva e breve, con una protagonista combinaguai che non si da mai per vinta e un lieto fine adattissimo alla storia. Consigliato se cercate qualcosa di allegro che vi prenda poco tempo.


I consigli dell'Antro:
Cibo/bevanda: cioccolatini al caffè
Da leggere: sotto l'ombrellone
Voglia di: sorridere

2 commenti:

  1. Anche io specialmente in estate (e quando sono sotto esami) cerco letture molto leggere :) Sembra un simpatico chick-lit :) Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto carino, sì, perfetto per trascorrere qualche ora piacevole :)

      Elimina

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!