giovedì 30 luglio 2015

Recensione: "Bunker Diary"

Buon giovedì Lettori!
Come sta trascorrendo la vostra estate? Siete ancora impegnati con lo studio o ciondolate tra divano e piscina? Oggi vi posto l'ultima recensione di luglio e voglio parlarvi di un romanzo che ho divorato e da cui mi aspettavo tantissimo.. una lettura davvero particolare che vi consiglio davvero molto!

  Un autore cult, il premio più discusso mai assegnato.

Titolo: Bunker Diary
Autore: Kevin Brooks
Prezzo: 15,00€
Pagine: 300
Pubblicazione: 2015
Editore: Piemme

Valutazione
Image and video hosting by TinyPic
Trama: Linus, sedici anni, insieme a quattro adulti e una ragazzina di nove, si trova intrappolato in un bunker, uno spazio claustrofobico da cui nessuno può fuggire. Sono stati rapiti da qualcuno che si è presentato loro ogni volta in modo diverso e non sanno perché sono stati scelti. Spiati da decine di telecamere e microfoni perfino in bagno, dovranno trovare un modo per sopravvivere. Bunker Diary è un incubo da vivere sulla propria pelle attraverso le pagine del diario di Linus, in un’escalation di umiliazioni, meccanismi perversi e violenza fisica e psicologica innescati “dall'uomo di sopra”…


Non ho mai fatto mistero della mia scarsa abilità nel recensire i romanzi che mi sono piaciuti tanto, quindi come al solito vi invito fin da subito a chiudere un occhio se a un certo punto perderò il filo o comincerò a divagare.
Vincitore della Carnegie Medal 2014, uno dei più prestigiosi premi della narrativa inglese per ragazzi, Bunker Diary è un thriller per giovani lettori che fin dalla sua uscita mi ha messo la pulce nell'orecchio, tanto che mi sono fiondata in libreria e l'ho comprato a prezzo pieno senza pensarci due volte. Doveva tornare a casa con me, lo sentivo e basta.
Ho sentito molte blogger descrivere questa lettura come claustrofobica e indimenticabile, esattamente il genere che amo, quindi potete immaginare la mia curiosità: l'ho divorato in un paio di giorni, ma è il tipo di lettura che, ad averne la possibilità, si finisce senza problemi in poche ore. Pur essendo catalogato nel genere Young Adult, questo romanzo di Kevin Brooks è a tutti gli effetti un thriller psicologico che può senz'altro essere apprezzato dai ragazzi, ma credo che sarebbe un grande errore snobbarlo solo per questo dettaglio. Se amate le letture inquietanti e crude, questo libro fa sicuramente per voi, che siate ragazzi o adulti.

Pensavo fosse cieco. È così che mi ha preso. 
È pazzesco, come ci sono cascato.
Quando sta mattina mi sono svegliato era ancora buio.
Appena ho aperto gli occhi ho capito subito dov'ero.
Mi trovo in uno spazio rettangolare, col soffitto basso, tutto di cemento imbiancato. Lungo il corridoio principale ci sono sei stanzette.
Non ci sono finestre. Non ci sono porte.
L'unica via di entrata o di uscita è l'ascensore.
Cosa vuole farmi?
Cosa posso fare io?
Se ho calcolato bene, l'ascensore dovrebbe scendere fra cinque minuti.
E infatti.
Solo che stavolta non è vuoto..

La narrazione scorre molto velocemente e, pur non essendo io un amante dei diari, trovo che l'autore sia riuscito a buttar giù in maniera perfetta i pensieri di Linus, catapultando il lettore nella sua testa e facendogli così vivere la storia in prima persona. Pur aspettandomi una lettura un po' più adrenalinica, Bunker Diary non mi ha affatto delusa: si tratta di una storia quasi lenta, ma che non annoia mai, capace di mettere faccia a faccia il lettore con una realtà agghiacciante.
Brooks sfrutta infatti la prigionia dei protagonisti, sequestrati senza un apparente motivo e segregati in un bunker di cemento, per portare alla luce ciò che si cela nell'animo umano. La paura, il dolore, la disperazione: emozioni forti che tirano fuori il peggio di una persona. E questo peggio l'autore te lo sbatte in faccia senza filtri, senza addolcire la pillola, lo fa con l'intento di chiuderti lo stomaco, e lo fa con grande maestria.
Un romanzo per ragazzi ben scritto e ben pensato, in grado di far riflettere su tantissime cose e che più volte mi ha lasciato senza fiato. Non oso neanche immaginare la sensazione che si provi a stare rinchiuso sotto terra senza possibilità di salvezza. Non riesco a pensare a cosa debba passare per la testa di una persona privata della sua dignità, che sopravvive solo a ciò che qualcun'altro decide. Il rapitore, figura misteriosa che purtroppo non ci sarà concesso conoscere e capire, ha il potere sulla vita di questi sei individui sfortunati: punizioni, ricompense. Fame, sete, luce, buio, medicine. Tiene la vita di sei persone in una mano e si diverte a stuzzicare e a torturare per vedere le reazioni. Un po' come essere paralizzati e non avere il minimo controllo sulla propria vita. È un pensiero devastante.
Sono rimasta insoddisfatta solo ed esclusivamente per quel che riguarda il rapitore, mi sarebbe piaciuto capire il perché di tanta follia, invece l'autore non ci permette di sapere niente dell'"uomo di sopra", non c'è nessuna logica nelle torture fisiche e psicologiche che infligge alle sue vittime e la cosa mi è dispiaciuta un po'.
Lettura promossa quasi a pieni voti, insomma, con un finale agghiacciante che mi ha fatto venire gli incubi per giorni e che non dimenticherò molto facilmente. Splendida anche la copertina, perfettamente in linea con il contenuto del romanzo e, una volta tanto, molto più evocativa di quella originale. Penso che, indipendentemente dall'età o dai gusti del lettore, sia davvero difficile non apprezzare questo romanzo, crudo e unico, che ha il potere di soggiogare il lettore incatenandolo alla sorte di Linus e delle altre vittime. Sconvolgente e squilibrato, un libro che mi porterò dietro per molto tempo, ma che non penso avrei il coraggio di rileggere.
Una parte di me è rimasta sepolta in quel bunker, e temo che non la rivedrò mai più.


I consigli dell'Antro:
Cibo/bevanda: latte e cereali
Da leggere: di notte
Voglia di: suspance

28 commenti:

  1. Io sto già studiando per gli esami di settembre!>.< Comunque non sai quanto aspettavo questa recensione. Voglio assolutamente questo libro. Deve essere mio! Appena avrò la possibilità di leggerlo, ti farò sapere. Mi hai messo una curiosità assurda, oltre a quella che avevo già. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, ho notato che ultimamente ci sei poco in effetti! Be', magari sono i post che non ti interessano ahahaha xD quando lo leggi avvisami, io mi aspettavo una lettura più serrata, invece è abbastanza tranquillo, ma al tempo stesso sconvolgente ç___ç

      Elimina
    2. Purtroppo sono state settimane di fuoco. T.T Appena posso leggo il tuo blog, ma dico "commento dopo", mi ricordo la sera tardi e non ho il cervello per commentare. D: L'altro giorno ho dato un esame che dovevo dare e quindi ora ho rallentato un po' il ritmo per riprendere fiato, sennò mi uccido sul serio. D:
      Comunque appena lo compro ti faccio sapere. Io sono a metà di Sophie. *-*

      Elimina
    3. Ahaha ma figurati, gli impegni al di fuori di blog e social sono assolutamente più importanti :D dovrei imparare a pubblicare meno post in estate perché tra esame e vacanze siamo davvero in pochi qui, ma come al solito il mio carattere precisino e puntale ha la meglio -.-"
      Sono felicissima che Sophie ti stia piacendo (o almeno così deduco dallo smile) ♥

      Elimina
  2. Pienamente d'accordo con la tua recensione Rowan! Il finale mi ha lasciata senza parole.. continuavo a sfogliare nella speranza di leggere altro :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io Sara! ç___ç trauma immenso!

      Elimina
  3. Kevin Brooks è bravo e ha fegato da vendere. Chapeau.

    RispondiElimina
  4. Devo dire che l'ultima frase di questa tua recensione mi ha messo un po' di inquietudine xD

    Anche questo libro fa parte della mia lunga wish list; rientra in un genere che mi attira molto, uno dei miei preferiti e sì, dovrò comprarlo per forza prima o poi xD

    Un bacione! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Loreena! Guarda, io sono un'amante delle riletture, ma in questo caso non credo lo leggerei da capo conoscendo già quel finale sconvolgente, tutto lì :)
      Mi raccomando, leggilo e poi fammi sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  5. Acquisto inderogabile, la tua bella recensione mi ha fatto comprendere quanto sia sconvolgente questo romanzo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara! Sì è stata davvero una lettura che mi ha turbata, per essere nella categoria ragazzi. Ho letto romanzi più sconvolgenti, ma sempre per adulti. Secondo me è davvero imperdibile :)

      Elimina
  6. Uffaa come desidero questo libro *_* da me sembra che non esista devo assolutamente rifare un ordine online va ho capito! ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io stranamente l'ho trovato il giorno stesso in cui è uscito, ho quasi gridato al miracolo, di solito da me escono dopo secoli.. era proprio destino xD Ordinalo al più presto, non te ne pentirai! È una lettura tranquilla ma che lascia un segno profondo.

      Elimina
  7. Spero proprio di recuperarlo presto, perché avendo letto il primo libro di questo autore mi era piaciuto molto e voglio leggere anche questa sua seconda opera. *_* Sì, in effetti è un peccato non sapere le motivazioni del rapitore... comunque grazie per il tuo parere Seli! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È sempre un piacere :) io voglio assolutamente recuperare il suo primo libro! Sono curiosa ormai.

      Elimina
  8. Ciao Seliii!
    Bellissima recensione,come sempre
    Questo libro lo devo ancora leggere; mi interessa davvero parecchio e penso che appena lo vedrò in libreria la prossima volta sarà mio
    La mia estate procede bene e sono felicissima perché domenica parto per il mare*^*
    Non vedo l'ora, manca pochissimo e ne ho proprio bisogno
    Starò via due settimane circa, spero che riuscirò lo stesso a passare nell'Antro ogni tanto
    La tua estate come procede?
    E niente a presto quindi^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fede! Grazie, sono contenta che ti sia piaciuta. Goditi il mare, tanto l'Antro non scappa, fai sempre in tempo a recuperare quando torni :) dove vai di bello?

      Elimina
    2. In Calabria*^*
      Nel paese dove è nata mia mamma, è da circa 2 anni che non ci vado e sono proprio felice^^

      Elimina
  9. Ero già pieno di curiosità, ma leggendo il tuo pensiero, ne ho ancora di più :)
    Amo questo tipo di libri e sono sicuro che questo non mi deluderà; ti ringrazio anche per aver evidenziato il fatto che il rapitore non abbia un'identità: sicuramente era un aspetto che mi sarebbe piaciuto leggere, però almeno così so che non c'è e so anche cosa aspettarmi.
    Un saluto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco! Ho voluto evidenziare questa particolare scelta dell'autore proprio perché io non me lo aspettavo, ed è stato l'unico motivo che mi ha spinto a dargli 4 stelle anziché 5. Se lo avessi saputo prima probabilmente non mi avrebbe delusa e lo avrei amato ancora di più :)

      Elimina
    2. Infatti sinceramente anch'io mi aspettavo che all'interno Brooks avesse dato spazio all'identità del rapitore, cosa che invece non c'è. Lo leggerò comunque a breve :)
      A presto! :)

      Elimina
  10. Sono curiosissima di leggerlo! Grazie per la recensione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stato un piacere, sono felice che ti sia piaciuta :D

      Elimina
  11. VOGLIO LEGGERE ASSOLUTAMENTE QUESTO LIBRO!
    Io non ho mai letto un libro thriller perche non mi hanno mai attratto pero adesso leggendo la tua recensione mi è venuta una voglia matta!Famtastico non vedo l'ora di averlo tra le mie mai😈❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tanto che ti piaccia, fammi sapere mi raccomando! :D

      Elimina
  12. Libro splendido e angosciante allo stesso tempo.
    Trovo che Brooks si sia immedesimato molto bene nella figura di un adolescente, riportando i suoi ragionamenti e i suoi sbalzi d'umore alla perfezione.
    Interessante anche vedere come diversi individui possono reagire alla medesima situazione, e che a mantenere l'equilibrio a volte sono le persone più inaspettate, come un adolescente, una bambina, un vecchio malato e un tossicodipendente.

    RispondiElimina

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!