martedì 22 luglio 2014

C'era una volta.. L'elfo della rosa



Bentornati Fantasmi! Come ogni 22 del mese vi do il benvenuto alla rubrica C'era una volta, dove vi parlerò di una fiaba.. oggi ci concentriamo su L'elfo della rosa.

La regina delle api si librò nell'aria ronzando e cantò della vendetta dei fiori e dell'elfo, affermando che dietro il più piccolo petalo abita qualcuno che può raccontare il male, e vendicarlo!



Trama: C'era una volta un minuscolo elfo che abitava in un fiore di rosa profumato. Una sera, rimasto chiuso fuori dalla sua morbida casetta, l'elfo assistette all'addio di due innamorati e, dopo ancora, ad un terribile evento, e giurò di prendere le difese della fanciulla.

L'elfo della rosa (in danese Rosenalfen), è una fiaba del famoso scrittore danese Hans Christian Andersen, pubblicata per la prima volta nel 1839.


Il mio pensiero

Volete ridere? Vi accontento: mi sono avvicinata a queste fiaba perché cercavo una breve storia felice, una sera che me ne stavo inchiodata sul divano con la nausea. Mi spiego, che Andersen sia famoso per i suoi finali poco allegri è un dato di fatto, ma qualche fiaba non eccessivamente cupa l'avevo già trovata, e con L'elfo della rosa pensavo di andare sul sicuro.. Andersen mi ha fregato un'altra volta.
Che razza di storia è mai questa?! Dopo Le scarpette rosse, anche L'elfo della rosa mi ha fatto venire gli incubi.
La morale, se vogliamo, è che ogni azione che svolgiamo, negativa o positiva che sia, ci torna sempre indietro, e che alla fine ognuno ha ciò che si merita. Però insomma, c'era davvero bisogno che quei due poveretti morissero in modo tanto triste? E quanto inquietante è il fatto che lei si tenga la testa mozzata dell'amato in un vaso di fiori? La prossima fiaba la farò leggere prima a qualcun altro per accertarmi che almeno uno dei personaggi sopravviva alla penna di Andersen.

Curiosità
  • L'idea dell'Elfo della rosa è presa da un canto popolare italiano.

6 commenti:

  1. Sono tornata, sono passata a salutarti *_*

    RispondiElimina
  2. Ahahahah mi hai incuriosita!! :D Certo che Andersen si è proprio divertito ad ammazzare chiunque volesse... un pò come Martin de Il trono di spade! xD

    RispondiElimina
  3. La morale è molto bella^^ma una fiaba così inquietante mi sa che non l'avevo mai vista, forse è un bene che non l'abbia mai letta

    RispondiElimina
  4. Non l'avevo mai sentita nominare (meglio cosi) xD

    RispondiElimina
  5. ciao
    mi hai fatto conoscere una fiaba nuova.

    RispondiElimina
  6. OMG.. io non ho letto Le scarpette rosse, però Andersen già mi aveva fatta piangere con il suo epilogo della Sirenetta, dove lei si trasforma in schiuma..
    Preferisco decisamente l'happy ending della Disney :D

    RispondiElimina

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!