mercoledì 6 aprile 2011

06.04.2011 un pensiero alle vittime delle scosse in Abruzzo, sono passati due anni

"Trema ancora", dei Karma Krew

"La terra trema, la lista degli sfollati non si ferma, per ogni scossa un minuto di silenzio, se ti guardi intorno niente ha più senso... e trema ancora la terra trema ancora il mio cuore, per ogni colpo che sferro c'è bisogno di amore, per chi non ha più niente solo un soffio di fiato, é un pensiero frequente: ricominciare da capo... ascolta le parole che raccontano quei fatti, e non farti rimorsi di coscenza siamo tutti vittime di ciò che non possiamo controllare, le mani strette al petto per sperare, perché vedo queste persone rimaste senza più niente, perché devo sentire il pianto della gente, perché tutto trema la velocità di un battito in tv solo chiacchiere l`ennesimo dibattito..
Tutto crolla insieme alle parole che ne seguono, ma qui si ricomincia a dare a questa vita un seguito, un nuovo giorno all`orizzonte e noi voltiamo pagina, tenendo per ricordo la trsistezza di una lacrima.
I ricordi di una vita se ne vanno in un secondo, mi sento, vicino a chi ha vissuto quel momento, rimango fermo, sospeso poi debole sconfitto in questo gioco dove non ci sono regole..l`Italia si fa forza e noi da qui scriviamo questo, in memoria di chi ha perso, per dare forza a chi riparte con un nuovo passo, con amore infinito, abbraccia i suoi cari e ricomincia dal principio...
La terra trema, la lista degli sfollati non si ferma, per ogni scossa un minuto di silenzio, se ti guardi intorno niente ha più senso.. e trema ancora la terra trema ancora il mio cuore, per ogni colpo che sferro c'è bisogno di amore, per chi non ha più niente solo un un soffio di fiato, é un pensiero frequente: ricominciare da capo.... È strano come senti dentro i pugni che colpiscono, per quanto il mondo a volte ti fa sentire piccolo, ci sono certezze che il dolore a volte è niente, ma come spieghi al tuo bambino che ora casa sua è una tenda...
Il buio che c'è fuori ora ti spezza dentro, e il pensiero è rimasto l`epicentro...
raccogli con le mani, le briciole del mondo, e non c'è un oggi né domani né qualsiasi altro giorno . Dove l`hai lasciata la tua vita, ti é sfuggita fra le dita, la terra in cui credevi l`ha rapita, dove l`hai lasciato il tuo sorriso, sparito all`improvviso un giorno tornerà su questo viso...
e ora il cuore trema ancora più di questo muro, si è distrutto il coraggio per credere al futuro, ma domani questo sole sorgerà lo stesso, troverai un giorno nuovo pregherai per ciò che hai perso. A volte non sai niente se non frasi d`affetto, e se la terra trema ancora allora stringimi più stretto, e smetto se mi accorgo che le parole non bastano, e il silenzio che saluta queste anime che passano..."

Nessun commento:

Posta un commento

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!